Sabato, 25 Settembre 2021
Attualità

Le mete estive preferite dai ternani in vacanza: “Regioni meridionali prese d’assalto. Turismo last minute favorito”

Grande spazio al turismo di prossimità con le regioni meridionali gettonatissime: Sicilia, Puglia, Sardegna ed anche Calabria

Un bel movimento, in attesa di ulteriori sviluppi tutti da monitorare. L’estate 2021 si sta caratterizzando, anche nel territorio ternano, per un turismo pressoché caratterizzato dalla prossimità. La meta ideale infatti risiede all’interno dello stivale, anche per le criticità esistenti che possono porsi in essere uscendo dai confini nazionali. La redazione di www.ternitoday.it ha contattato alcune agenzie di viaggio del territorio per capire come, nel corso della stagione, si sono mossi i nostri concittadini.

“Italia, quasi solo Italia” affermano dalla Lady Bugs Coccinella viaggi. “Qualcuno ha cercato la Grecia poi si è verificato un arresto. Abbiamo avuto notevoli richieste per la Sardegna e molto Salento, zona più in voga della Puglia. A differenza di altri anni – sottolineano - nella settimana di Ferragosto c’è stata meno richiesta. Si sono concentrati molti su luglio e la prima settimana del mese in auge”. La conferma arriva anche da ‘Il Viaggiotto’ per ciò che concerne la penisola: “Il meridione in generale ma più nello specifico Puglia, Sardegna e Calabria. Fortunatamente riscontriamo un bel sold out, la stagione è andata ottimamente. All’estero qualcuno è andato con tutte le difficoltà del momento”. Ed il periodo scelto?: “Vacanze molto diluite, fin dai primi giorni di giugno”. Un grosso punto interrogativo sul futuro: “Tale discorso è limitato al periodo estivo. Non sappiamo cosa accadrà anche perché, una volta terminata l’estate, noi lavoriamo prevalentemente con i viaggi organizzati nei posti esotici.”

Da Magellano Viaggi un ulteriore spunto di riflessione: “Anche se le frontiere sono aperte per la Comunità Europea, è abbastanza sconsigliato viaggiare all’estero o fare un’assicurazione sanitaria. Ho lavorato tanto con prenotazioni arrivate a ridosso della partenza. Motivi? Ad esempio diverse persone si sono basate sulle date delle vaccinazioni, altre hanno voluto attendere come si evolveva il contesto epidemiologico prima di partire. Dalla metà di giugno a quella di luglio c’è stato molto fermento tra Puglia, Sardegna, Sicilia e Calabria. Il meridione preso letteralmente d’assalto. Per l’estero invece qualche prenotazione per la Spagna ed anche annullamenti. La comprensibile paura ha frenato il desiderio di esporsi, al di fuori dei confini nazionali”. Organizzare una vacanza, in questo periodo, è tutt’altro che semplice nonostante l’altissima professionalità messa a disposizione dalle singole agenzie: “E’ stata una stagione difficilissima per via di tutte le procedure che cambiano, soprattutto per i clienti all’estero. Ci siamo dunque concentrati prevalentemente sull’Italia – dichiarano dalla ACF Viaggi – anche per facilitare le prenotazioni. Ne abbiamo avute davvero tante per Sicilia, Sardegna e Puglia – soprattutto Salento – in ordine di preferenza. Le partenze sono state molto diluite e scaglionate tra luglio ed agosto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le mete estive preferite dai ternani in vacanza: “Regioni meridionali prese d’assalto. Turismo last minute favorito”

TerniToday è in caricamento