Terni-Cesi, la metropolitana “fantasma”. Appello al Comune: adesso è davvero necessaria

Quasi vent’anni d’attesa e milioni di euro spesi, il Centro Studi Malfatti: questa amministrazione non lasci l’opera nel dimenticatoio

Un percorso di circa sette chilometri, 2,5 dei quali a doppio binario per nove fermate. Un sogno, quello della metropolitana di superficie, che è ormai diventato un incubo: quasi vent’anni d’attesa, milioni di euro spesi e un lavoro – quello fatto fino ad ora – che sta andando in rovina.

LEGGI – Viaggio nelle stazioni dimenticate

A togliere la polvere dal dossier Terni-Cesi è il Centro Studi Malfatti che “esorta il sindaco di Terni, Leonardo Latini, ad adoperarsi nelle sedi opportune di Regione e ministero competente per la conclusione dei lavori della metropolitana di superficie, infrastruttura mai completata. Tale opera oggi è ancor più necessaria al fine di decongestionare il traffico in entrata alla città con conseguente diminuzione di veicoli circolanti e relativo diminuzione di smog”.

Il progetto della metropolitana di superficie – rilevano dal Centro Studi - nasceva al fine di agevolare con una mobilità alternativa a quella veicolare il collegamento tra la stazione di Cesi al centro città e il centro stesso con gli uffici finanziari. Da notare che nell’area servita dalla metropolitana vivono circa 25mila abitanti. Di questa opera, iniziata nei primi anni 2000, più volte è stata promessa la conclusione dei lavori con relativa messa in funzione, ma ciò mai è avvenuto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Auspichiamo ora che questa amministrazione detta del ‘fare’, a differenza delle passate che mai hanno recepito i nostri appelli, riesca a non lasciare nel dimenticatoio tale opera per la quale sono stati spesi decine di milioni di euro e le stazioni stanno andando in rovina”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Il racconto di una mamma: la maestra di mio figlio è positiva al Covid, ecco tutto quello che non funziona nel sistema

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento