Michele Rossi risponde al Pd: "Preoccupati per un post di Salvini? Delirio politico"

Il capogruppo di Terni Civica sottolinea come "non gli resta altro che strumentalizzare ogni accadimento" riferendosi al post su twitter del ministro dell'interno Matteo Salvini

michele rossi

Il capogruppo di Terni Civica Michele Rossi, a seguito delle dichiarazioni di Francesco Filipponi (Pd), osserva :”Capisco che non avendo argomentazioni serie da contrapporre ed avendo dalla loro un recente passato amministrativo di cui non potersi troppo vantare, anzi da far dimenticare prima possibile, non gli resta altro che strumentalizzare ogni accadimento (anche un simpatico post di Salvini).

"Dopo aver dichiarato di sentirsi estremamente preoccupati per una battuta di Salvini, tornato da poco single (ma ci rendiamo conto?), il loro delirio politico continua quando nel comunicato si trasformano nei più grandi sostenitori di quel Santo Valentino che in verità culturalmente (ed anche ideologicamente) prima hanno osteggiato e poi negli ultimi decenni non hanno mai voluto concretamente valorizzare – sottolinea Rossi- Ad esempio lasciando tutto attorno alla basilica un quartiere nell'abbandono e nel degrado ed organizzando per i festeggiamenti dello stesso Santo, conosciuto in tutto il mondo, nulla di più di una festa paesana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con la stessa tecnica della strumentalizzazione nel medesimo comunicato sono capaci di trasformarsi poi nei più grandi difensori del territorio, pronti ad accusare di sudditanza perugina questa nuova amministrazione, la stessa che per la prima volta decide di puntare sulla meritocrazia, su dimostrate capacità manageriali per la guida della “sgangherata” partecipata delle farmacie.
Loro invece sono gli stessi che troppo spesso si sono fatti silenti ed accomodanti con la Regione quando c'era da battersi per le giuste rivendicazioni della città di Terni, per non compromettere le loro carriere politiche. In una sudditanza –chiosa Michele Rossi - prima partitica poi politica e amministrativa che ha lasciato la nostra città in condizioni di piena subalternità culturale ed economica a Perugia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento