rotate-mobile
Attualità

Sistema museale, c’è il nuovo regolamento: ecco cosa cambia per le associazioni

Il consiglio comunale approva l’aggiornamento. Cecconelli: “Vuoto colmato, ora dimensione nazionale”

C’è il nuovo regolamento per il sistema museale cittadino. Il consiglio comunale ha infatti adottato, nel corso dell’ultima seduta - con 20 voti favorevoli e 9 astenuti - la proposta della giunta relativa all’approvazione del regolamento dei musei del comune di Terni. Il documento è stato illustrato in aula dall’assessore alla Cultura Maurizio Cecconelli che ha  parlato di “vuoto che si colma in quanto finora non c'era un regolamento che adegua il sistema museale ternano alla rete regionale e nazionale, Una valorizzazione puntando sulla qualità e sull'elevazione degli standard dei servizi”. 

Approvato anche un emendamento, proposto dalle minoranze e illustrato dal consigliere di Senso Civico Alessandro Gentiletti, che punta “a garantire l’utilizzo degli ambienti museali da parte di tutte le associazioni del territorio e da chiunque ne faccia richiesta purché compatibile con il contenuto e le finalità del luogo”.

Il regolamento disciplina l’organizzazione e il funzionamento del Sistema museale cittadino dando attuazione alla normativa regionale in materia e aderendo al  sistema dei musei dell’Umbria. Fanno parte dell’insieme museale cittadino il museo d’Arte Moderna e Contemporanea Aurelio De Felice, il museo archeologico Claudia Giontella, la mostra permanente delle Raccolte Paleontologiche dell’Umbria Meridionale, l’Anfiteatro Romano, e il Centro visita e documentazione Umberto Ciotti. Le diverse sedi dei musei comunali sono di proprietà del Comune di Terni, mentre il patrimonio museale è costituito dai beni immobili e mobili in dotazione ad ogni singola struttura museale, acquistato o acquisito per donazione e da beni in deposito da enti o da soggetti pubblici e privati.

Il regolamento approvato richiama definizioni fondamentali in materia citando tutta la normativa di settore, sia quelle regionali che nazionali.  Inoltre disciplina le finalità, le funzioni, le forme di gestione, l’organizzazione e le risorse umane, le aperture, le tariffe e tutto quello che concerne le sponsorizzazioni, le raccolte e  la catalogazione delle opere. Relativamente alla gestione finanziaria il Comune provvede al mantenimento dei musei mediante fondi di bilancio ordinari, nonché con contributi ordinari e straordinari che potranno essere concessi dallo Stato, dalla Regione, dalla provincia, da altri enti pubblici, e da eventuali donazioni di privati cittadini, enti morali, ditte, organizzazioni o associazioni che liberamente intendano sostenerlo finanziariamente. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sistema museale, c’è il nuovo regolamento: ecco cosa cambia per le associazioni

TerniToday è in caricamento