rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Attualità Amelia

Non c'è posto al Verano di Roma per Gigi Proietti. Le sue ceneri riposano al cimitero di Porchiano del Monte accanto ai suoi genitori

La situazione dei cimiteri romani, compreso quello monumentale del Verano, è al collasso e non risparmia neanche un grande artista come Gigi Proietti le cui ceneri sono state momentaneamente tumulata al cimitero della frazione amerina di Porchiano del Monte

Uno dei più grandi artisti italiani, l'ultimo mattatore del teatro, cinema e televisione, un artista eclettico e geniale viene a riposare in pace in Umbria. Il destino delle ceneri di Gigi Proietti, in realtà, non doveva essere il cimitero di Porchiano del Monte, frazione di Amelia nel quale sono stati già sepolti i suoi genitori.

I resti dell'attore erano rimasti da tempo in deposito in attesa si liberasse spazio nel cimitero monumentale romano del Verano, considerato il "cimitero degli artisti". In effetti, riposano nel grande parco a ridosso della via Tiburtina grandi personalità e colleghi di Proietti come Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Vittorio De Sica, Nino Manfredi e Alberto Sordi, ma anche storiche come Garibaldi e Mameli.

La salma di Proietti, morto lo scorso 2 novembre del 2020, subì già un primo scandalo relativo alla sua cremazione. La sua bara, infatti, (come quella di centinaia di altri normali cittadini) rischiava di rimanere accatastata per mesi nei magazzini in attesa di sepoltura. Quindi la decisione di portare l'urna cineraria in Umbria in attesa del rientro a Roma.

Come detto, l'attore riposa attualmente accanto a Romano e Giovanna, i suoi genitori. Il padre del grande attore romano (di nascita) era originario proprio di Porchiano del Monte che ancora oggi, nonostante questo ennesimo sfregio della sua Roma, conserva nel cuore l'amicizia allacciata da sempre con il grande artista. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non c'è posto al Verano di Roma per Gigi Proietti. Le sue ceneri riposano al cimitero di Porchiano del Monte accanto ai suoi genitori

TerniToday è in caricamento