menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Novità al Caos: da giovedì il museo archeologico sarà intitolato a Claudia Giontella

Dopo un anno dall’atto di indirizzo l’amministrazione ha fissato un incontro presso il Caos. Prevista anche la presentazione alla città della statua del Telamone

Se in questi giorni a tener banco è un’altra possibile intitolazione, ossia quella della bct a Oriana Fallaci, dopo un anno dal primo atto indirizzo, il museo archeologico di Terni è pronto per essere dedicato ufficialmente a  Claudia Giontella.

E’ programmato per giovedì 30 gennaio alle 16,30, infatti, l’incontro per ufficializzare l’intitolazione del museo archeologico all’indimenticata archeologa. La giunta comunale, già nel novembre del 2019 aveva accolto un atto di indirizzo deliberato in consiglio comunale un anno prima affinché venisse ricordata la figura di Claudia Giontella “per l’impegno profuso, la professionalità altamente specializzata e l’appassionato e serio lavoro di ricerca nell’allestimento del Museo Archeologico cittadino”. La Giontella ha avuto un ruolo importante anche nell’allestimento del centro visita Umberto Ciotti di Carsulae, partecipando a numerosi scavi tra cui quello della necropoli dell’ex Alterocca.

La presentazione del Telamone

Ma non ci sarà solo l’intitolazione al centro dell’attenzione: sempre giovedì, infatti, sarà presentato l’imponente Telamone, la statua di Età imperiale recentemente trasferita dal MANU - Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria. La scultura, realizzata in marmo pentelico, fu rinvenuta proprio a Terni nel 1971, in tre frammenti e in circostanze fortuite. Trasportata a Spoleto, è rimasta nei magazzini del museo per trovare collocazione, dopo il delicato intervento di restauro, diretto dallo stesso Soprintendente, nel chiostro di San Domenico, sede del Museo archeologico nazionale dell'Umbria.  Si tratta di un elemento architettonico di circa otto quintali per un'altezza di 1,90 metri che ritrae un personaggio maschile con le sembianze di un satiro, dotato di corna e orecchie appuntite, nell’atto di sorreggere un peso.

All’incontro del 30 gennaio interverranno il sindaco di Terni Leonardo Latini; il vicesindaco e assessore alla cultura e turismo Andrea Giuli; l’assessore all’urbanistica e alla toponomastica Leonardo Bordoni; il Direttore del MANU Luana Cenciaioli e Simonetta Stopponi, già docente all’Università di Perugia e molto legata a Claudia Giontella.

Sempre per rendere omaggio al trasferimento della scultura rinvenuta a Terni, l’associazione Terni Città Futura, ha organizzato sabato 25 gennaio ore 17 al caffè letterario della biblioteca comunale il convegno Il Telamone di Terni” che vuole essere un “percorso pubblico di confronto con appassionati, studiosi e docenti che ci porterà a conoscere meglio l'imponente statua e a saperne di più sul suo valore, significato e possibile utilizzo”. All’incontro, patrocinato dall’assessorato alla cultura del comune di Terni interverranno Francesco Usai sul tema Interamna Nahars, l'architetto Andrea Cristofari e Giorgio Ortolani, docente all'Università di Roma Tre. Per i saluti istituzionali si prevede l’intervento del vicesindaco Andrea Giuli e del consigliere comunale di Terni civica Michele Rossi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento