Dalla Cascata parte il biglietto integrato, in programma anche il coinvolgimento di Carsulae. Rivoluzione in vista per il rilascio dell'acqua

Da palazzo Spada arriva il ritocco dei biglietti: prevista una tariffa unica a 12 euro con cui si potranno visitare i siti che decideranno di aderire

L'integrazione della gara tra Cascata e Carsulae renderà probabilmente possibile quello che, negli anni, era stato solo auspicato ma mai realizzato a causa delle gestioni separate e degli accordi con la Soprintendenza.

Ora, sembra proprio che buona parte degli inghippi burocratici siano vicini al superamento. Anzi: quello della Cascata potrà diventare un biglietto “integrato” che, a 12 euro, permetterà di visitare i siti di interesse culturale e turistico del territorio, previa sottoscrizione di un accordo tra le parti.

Non solo il sito archeologico di Carsulae, con cui - fanno sapere da palazzo Spada - si sta portando avanti un discorso con il polo museale dell’Umbria ai fini dell’elaborazione di un piano di valorizzazione specifico, ma anche altri luoghi d’interesse, come ad esempio Narni sotterranea.

La determina dirigenziale pubblicata nelle ultime ore, infatti, non solo riporta alcune modifiche delle tariffe dei biglietti, ma apre anche la strada a un biglietto integrato, da sempre un “pallino” dell’amministrazione comunale.

Come specificato, nel documento il riferimento non riguarda esclusivamente Carsulae: si parla infatti di “tariffe integrate per creare reti di sistema anche a carattere sperimentale”, ma il collegamento appare quasi naturale, considerando che dal 1 gennaio Vivaticket prenderà in gestione anche l’area archeologica.

L’intero dai 10 anni, agevolazioni per gli operatori economici

La determina evidenzia dei ritocchi anche riguardo ai prezzi dei biglietti: i bambini avranno il ridotto dai 5 ai 9 anni, dai 10 si pagherà intero, mentre ad oggi il ticket da 10 euro era previsto dai 10 anni di età (fino a tre anni fa il ridotto copriva la fascia 7-14 anni). Sono state riconfermate le agevolazioni per gli operatori turistici a 6 euro e a 8 per associazioni ed enti di rilevanza nazionale.

Rivoluzione negli orari di apertura

Le ultime settimane sono state molto delicate anche per altre questioni: sembra infatti che Comune ed Erg stiano trovando una quadra rispetto ad una rimodulazione significativa degli orari di rilascio dell’acqua e, quindi, di apertura del parco. Un rilascio più prolungato o, comunque, diversamente distribuito per favorire una maggiore fruizione del parco. Nei prossimi giorni i nuovi orari dovrebbero passare in giunta per poi diventare effettivi con l’inizio del nuovo anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lotta all’infarto, a Terni una scoperta rivoluzionaria: è colpa di un batterio

  • Bollo auto e documenti di circolazione, cosa è cambiato con il 2020

  • “Ho mal di pancia”, ma è incinta: bambina di dodici anni ricoverata in ospedale

  • Incidente stradale, estratti dalle lamiere dai vigili del fuoco dopo tamponamento

  • Mistero sopra il cielo della conca ternana: “Una scia di piccole luci tutte alla stessa distanza”

  • "Se non porti i soldi stasera ti faccio sparire", giovane minacciato fa arrestare gli estorsori

Torna su
TerniToday è in caricamento