Nuova attività in città, il coraggio e l’ambizione di imprenditori ternani: “Offriamo una moltitudine dei servizi”

Il racconto di Luca che ha deciso di iniziare un nuovo percorso dopo il licenziamento: “Il mio socio ha sposato questa attività e ci crede tanto quanto il sottoscritto"

foto di repertorio

Esperienza, voglia di rimettersi in gioco e nuove opportunità all’orizzonte. Lo scorso giovedì 1 ottobre ha aperto, nel centro di Terni, un’agenzia privata di poste denominata Sailpost. A questo progetto hanno aderito Luca, Gianluca e Christian: i primi due nelle vesti di soci mentre l’ultimo citato ha assunto la mansione di capo postino. Si tratta di uno dei tanti punti distribuiti sul territorio nazionale, al quale si accede mediante franchising.

“L’idea è nata sotto la quarantena nel mese di marzo. Avevo perso il lavoro, ero stato licenziato. Poiché ho maturato una buona esperienza nel settore non volevo buttare le capacità acquisite” afferma Luca. “Dopo aver parlato con l’azienda ci hanno accolto la domanda. Durante il lockdown ho seguito tutte le procedure, gli adempimenti burocratici e sono riuscito a coinvolgere un altro socio. In questo periodo ci siamo istruiti, sostenendo anche un esame riconosciuto e diventando pubblici ufficiali.”. Il motivo è dettato dalla possibilità di consegnare atti giudiziari e multe: “Dopo la liberalizzazione che ha permesso anche ad agenzie private di poter mettere a disposizione tale servizio. Inoltre, dato che l’azienda copre l’intero territorio, è possibile demandare le spedizioni anche fuori i confini coperti fisicamente dalla nostra presenza”.

Come viene sviluppato il lavoro: “Possiamo autodefinirci come una multiservizi dato che ne offriamo una moltitudine. Occorre reinventarsi e cercare di essere più flessibili possibili a supporto dei clienti. Ci occupiamo di contratti di affitto, bollettini, pagamento multe, ricariche telefoniche, consegna raccomandate lettere ed atti postali, assistenza clienti per risolvere problematiche con le disdette del telefono o servizi a pagamento, consegna capillare sul territorio”. La precisazione di Luca: “Il nostro obiettivo principale è quello garantire un servizio smart evitando code, risolvendo problemi e cercare di soddisfare il cliente in ogni sua singola esigenza. Per i contratti di affitto, ad esempio, ci appoggiamo alla Confappi. Da parte nostra siamo formati sulle nozioni principali. Successivamente inviamo il tutto a loro che registrano il contratto in un giorno. Facciamo così lavorare un’associazione di Terni come punto di raccolta. Inoltre – altro elemento da rimarcare – siamo molto attivi sui social, attraverso facebook, instagram e la chat di whatsapp gli utenti possono entrare in contatto con noi per avere informazioni e richiedere i servizi. Ne abbiamo attivato uno per le aziende e professionisti, senza nessun limite minimo di posta, di ricezione, stampa, imbustamento e consegna semplicemente inviandoci tutto tramite internet senza uscire dall'ufficio. Permetterà di limitare gli spostamenti e soprattutto evitare, soprattutto in questo momento storico, assembramenti per spedire alle poste”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le ambizioni: “Abbiamo acquistato due scooter più disponiamo delle macchine per gli spostamenti. Una persona c’è sempre in ufficio. Abbiamo ricevuto un feedback positivo dai vari amministratori, conoscono già come lavoriamo. Vorremmo cercare di espanderci, in un prossimo futuro, coinvolgendo anche altre persone per poter garantire ulteriori posti di lavoro. Al momento copriamo la città ed alcune zone limitrofe, comunque tutti cap sono coperti con Sailpost. Tuttavia ci piacerebbe ulteriori punti forza”. Le difficoltà principali: “Quando le condizioni del tempo sono avverse è un po' complicato consegnare. Naturalmente si tratta di una caratteristica che un po' accomuna tutti i postini”. Infine l’aspetto meno razionale e più sentimentale che ha spinto Luca ad intraprendere questo nuovo percorso: “Fin da piccolo non mi sentivo di essere per sempre un dipendente. Il mio socio ha sposato questa attività e ci crede tanto quanto il sottoscritto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Il racconto di una mamma: la maestra di mio figlio è positiva al Covid, ecco tutto quello che non funziona nel sistema

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento