S’illumina di nuovo la lapide che ricorda il luogo in cui morì Libero Liberati

Intervento dell’Asm nei pressi di Cervara, lungo la Valnerina. Latini e Salvati: gesto di grande rispetto e attaccamento alla memoria di un ternano che ha portato nel mondo il nome della città

La lapide a Liberati, foto da Asm Terni

Il nome di Terni è legato a quello di Libero Liberati. Indimenticabile e indimenticato campione ternano del motociclismo che il 5 marzo del 1962 morì in un terribile incidente lungo la Valnerina, nei pressi di Cervara.

Quel luogo è ricordato da una targa che oggi trova una nuova luce grazie all’intervento realizzato nei giorni scorsi da Asm Terni. L’azienda municipalizzata ha infatti provveduto a posizionare un faro che nelle ore notturne illumina la lapide, rendendola visibile a chi transita per la Valnerina.

La lapide era stata spostata di alcune decine di metri negli anni scorsi, a causa della realizzazione del nuovo svincolo per la Terni-Rieti.

 “Ringraziamo l’Asm per questo piccolo ma significativo intervento – dicono il sindaco Leonardo Latini e l’assessore ai lavori pubblici Benedetta Salvati - perché è un gesto di grande rispetto e attaccamento alla memoria di un ternano che ha portato in alto nel mondo il nome della sua città e il segno una ritrovata sensibilità verso l’identità cittadina che si basa anche sulla tutela e la valorizzazione delle sue memorie condivise”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento