rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Attualità

“Da Casteltodino a Bologna fino ad allontanarmi ‘solo un po' di più’ a Philadelphia. Esperienza di ricerca di alto livello”

Il racconto di Federica Severi che sta completando un dottorato di ricerca in Biologia Cellulare e Molecolare negli Stati Uniti

Torna l’appuntamento con ‘Ternani nel mondo’ rubrica dedicata ai concittadini che vivono, lavorano o studiano fuori dai confini territoriali e nazionali. In questo specifico caso raccontiamo la storia di Federica Severi, giovane studentessa originaria di Casteltodino che sta completando un dottorato di ricerca in Biologia Cellulare e Molecolare. 

Il racconto di Federica: “Dal novembre 2022 mi trovo negli Stati Uniti in particolare a Philadelphia, in Pennsylvania. Sto terminando un dottorato di ricerca in Biologia Cellulare e Molecolare. Il titolo ufficiale è fornito dall'università di Bologna, in collaborazione con il Wistar Institute, in cui svolgo interamente l'attività di ricerca. Ho deciso di lasciare l'Italia – sottolinea - in quanto volevo fare un'esperienza di ricerca di alto livello e questa era una grande opportunità. Ad esempio, il laboratorio sta collaborando con il vincitore del premio Nobel per la Medicina 2023 ovvero il Dottor Drew Weissman”. 

Dalle origini alla decisione di salutare il territorio ternano: “Non è stato facile, perché sono molto affezionata. Per dieci anni mi sono dedicata al ciclismo, pedalando per tutta l’Umbria. Un qualcosa che manca molto alla sottoscritta. Inizialmente ho scelto di trasferirmi a Bologna, per frequentare l’università, dove ho fatto la triennale in biotecnologie e la magistrale in biologia molecolare e cellulare, perché il mio sogno era di fare ricerca e ritenevo che questo corso di studi fosse in grado di darmi una buona formazione. Dopo di che mi sono allontanata "solo un po' di più", andando negli Stati Uniti”.

Il giudizio di Federica: “Penso che la provincia di Terni, così come l'Umbria in generale, abbia tanto da offrire. I nostri piccoli borghi sono amati da turisti italiani e stranieri. Allo stesso tempo penso che ci dovrebbero essere delle strategie volte ad incoraggiare maggiormente il turismo stesso. Ad esempio molti collegamenti non sono particolarmente efficienti ed è difficile spostarsi agevolmente. Per quanto riguarda il mio ambito, purtroppo, per incoraggiare i ricercatori a rimanere ci sarebbe bisogno di avere più fondi dedicati alla ricerca”.

Alcune caratteristiche del dottorato di ricerca presso il Wistar Institute di Philadelphia: “Lavoro su un tipo di immunoterapia detta Terapia a cellule CAR T, per la cura delle infezioni da HIV. Sostanzialmente quello che faccio è ingegnerizzare le cellule T del nostro sistema immunitario, per riconoscere ed uccidere le cellule infettate da HIV. Tale approccio è stato già sperimentato per alcune tipologie di cancro ed è molto promettente, visto che ad oggi, dopo circa 30 anni di ricerca non esiste una cura per l'HIV. Al momento – precisa - sono al secondo anno, dei tre previsti, di dottorato. Pertanto sto sfruttando l'occasione per girare e visitare il più possibile. Per il resto sono una persona sportiva, mi piace passare il tempo all'aria aperta e con i miei amici, a Philadelphia c'è una bella comunità di italiani e stando tutti insieme si riesce a sentire meno la mancanza di casa”.

Infine una soddisfazione da rimarcare: “Dal 3 al 6 marzo sono stata a Denver, in Colorado, per partecipare alla conferenza Conference on Retrovirus and Opportunistic Infections. Si tratta di una delle conferenze più importanti nell'ambito di HIV, c'erano più di 4000 iscritti e persone provenienti da tutto il mondo. Oltre ad aver ascoltato le presentazioni di grandissimi esperti nel settore, ho avuto modo di presentare il mio lavoro con un poster. È stata una bellissima esperienza che mi ha permesso di conoscere molte persone che lavorano in questo ambito, imparare cose nuove e avere molti commenti positivi e critiche costruttive sul mio lavoro, che è la cosa più importante nella scienza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Da Casteltodino a Bologna fino ad allontanarmi ‘solo un po' di più’ a Philadelphia. Esperienza di ricerca di alto livello”

TerniToday è in caricamento