Orvieto, il corteo di cittadini e istituzioni per il rispetto della legalità e dell'ambiente

L'iniziativa è stata organizzata da alcune associazioni attive nel territorio di Orvieto. Fra gli organizzatori, la consigliera di maggioranza Beatrice Casasole: "Vogliamo testimoniare la nostra contrarietà al degrado, allo spaccio e all'illegalità".

Una passeggiata per le vie della rupe contro il degrado che emerso negli ultimi giorni. Una iniziativa nata "dal basso" da parte di alcune associazioni cittadine insieme ai rappresentanti degli organi di sicurezza recepita positivamente dai partecipanti. Un corteo che ha preso il via dall'area pedonale adiacente ai giardini della Gonfaloniera per sensibilizzare la cittadinanza ai valori della legalità e al rispetto dell’ambiente.

“Sono molto soddisfatta per la riuscita di questo flashmob” - dichiara Beatrice Casasole, consigliere comunale di maggioranza, fondatrice dell’associazione di volontariato “Diamoci una mano” fra le organizzatrici dell'iniziativa - abbiamo svolto quest’azione spontanea dopo aver raccolto alcune segnalazioni riguardo ad episodi di spaccio e degrado avvenuti proprio in quest’area. I giardini della Gonfaloniera - prosegue Casasole - sono da sempre un punto di riferimento per decine di famiglie orvietane che ogni giorno portano i propri figli a trascorrere dei momenti di svago e di condivisione. Proprio per questo motivo ci siamo sentiti di scendere in strada per testimoniare la nostra assoluta contrarietà rispetto a tali episodi di spaccio e abuso di sostanze alcoliche. 

Voglio ringraziare - conclude Casasole - le associazioni “Spazio Libero Rupestre, Unità Guardie Ecozoofile, Croce Rossa Italiana Orvieto, Guardia di Finanza, Acli sezione Orvieto, ass. Accoglienza e solidarietà Orvieto” per aver sposato l’ iniziativa e mi auguro che questo sia solo l'inizio di un percorso condiviso nel segno della tutela della nostra città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento