L'ospedale di Terni esporta il modello per l'accoglienza e la gestione della disabilità

Nei giorni scorsi è avvenuta la visita di una delegazione del Forlanini di Roma a Centro Accoglienza Disabili

ospedale di Terni

Una delegazione di sanitari dell'Azienda ospedaliera San Camillo-Forlanini di Roma, nei giorni scorsi, ha visitato il servizio Centro Accoglienza Disabili/ Disabled Advanced Medical Assistance dell'Azienda ospedaliera di Terni. I motivi sono da ricondurre all’acquisizione di informazioni ed al confronto di esperienze ai fini dell’attivazione anche nell’azienda romana di un centro analogo dedicato alla disabilità complessa intellettiva. Il servizio già l’anno scorso era stato preso come modello da altri presidi ospedalieri come quelli dell’Azienda sanitaria di Savona.

Erano presenti all'incontro con Stefano Caparrucci e altri rappresentanti del dipartimento delle professioni sanitarie del San Camillo-Forlanini i team ternani del CAD ossia Lorella Angeli e Agnese Barsacchi, responsabile delle professioni sanitarie e del DAMA ovvero Stefano Cappanera, dirigente medico della clinica di malattie infettive, Massimo Rizzo della direzione medica di presidio, Domenico Frondizi, responsabile della struttura di neurofisiopatologia, Rita Commissari, responsabile di anestesia e rianimazione, e Marsilio Francucci, responsabile del day surgery.

In circa un anno e mezzo il CAD/DAMA di Terni ha preso in carico decine di pazienti con disabilità complessa, ha stretto rapporti con molte associazioni e firmato una convenzione anche con l’Istituto Serafico di Assisi, maturando esperienze importanti prese come modello anche da altri presidi ospedalieri italiani.  Il 21 e 22 ottobre gli operatori del team ternano si sposteranno a Roma per partecipare attivamente alla giornata di formazione che segnerà l'inizio delle attività del servizio dedicato alla disabilità intellettiva presso l'Azienda ospedaliera San Camillo-Forlanini.

Al CAD (Centro Ascolto/Accoglienza Disabilità) dell’Azienda ospedaliera di Terni, istituito a febbraio 2018, si può accedere direttamente - piano terra del corpo centrale dell’ospedale - o tramite il numero verde 800505083 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 09 alle 13.30. Il servizio ha la funzione di prendere in carico le persone con grave disabilità motoria o disabilità complessa e facilitare i loro i percorsi di accesso alla struttura ospedaliera grazie ad un’operatrice dell’ospedale dedicata (care manager) che programma il giorno e l’orario migliore per l’assistito, raggruppando in un’unica data anche più visite, esami o terapie e garantendo supporti come sedie a rotelle, accompagnatore, device ed altri servizi. In un primo momento l’attività del CAD era stata dedicata raccogliere e gestire le necessità delle persone con grave disabilità motoria. Tuttavia in pochi mesi ha esteso la sua attività anche alle persone con disabilità complessa intellettiva o relazionale (es. autismo), grazie alla costituzione di un team multidisciplinare medico e delle professioni sanitarie che, dopo un percorso di formazione specifica, ha consentito all’Azienda ospedaliera Santa Maria di Terni di entrare nel DAMA (Disabled Advanced Medical Assistance). Ad oggi la rete nazionale comprende gli ospedali di Bolzano, Varese, Milano, Mantova, Bologna, Empoli, Terni e Cosenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • La storia | "I miei inquilini sono morosi da mesi. Sto pagando tutto io". Lo sfogo di una cittadina di Terni

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento