menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale di Terni, scoppia la “bomba” precari: “Sono in duecento, ora stabilizzazioni e nuovi concorsi”

Interrogazione in Regione del Partito democratico: “Il sistema sanitario regionale perderà 300 lavoratori, il 15 per cento del totale, entro il 2025. Un dato che rende evidente la necessità occupazionale”

“Il sistema sanitario regionale perderà 300 lavoratori, il 15 per cento del totale, entro il 2025. Un dato che rende evidente la necessità occupazionale”.

I consiglieri regionali del Partito democratico Tommaso Bori, Michele Bettarelli, Simona Meloni e Fabio Paparelli, hanno presentato una interrogazione per chiedere chiarezza in merito alle “azioni di breve, medio e lungo termine per far fronte al fabbisogno di personale e sullo stato delle graduatorie in essere, quelle su cui è già stato attuato lo scorrimento e quali le tempistiche”.

“Sono quasi mille i precari in carico al servizio sanitario regionale: 200 unità per l’azienda ospedaliera di Perugia e altrettanti in quella di Terni, 350 nell’azienda sanitaria Umbria 2 e oltre 200 nell’azienda sanitaria Umbria 1. Numeri da far tremare i polsi e che testimoniano l’evidente problema se analizzati contestualmente ai pensionamenti. Anche a causa di provvedimenti nazionali, come ‘quota 100’, il sistema sanitario regionale perderà 300 lavoratori, il 15 per cento del totale, entro il 2025. Un dato che rende evidente la necessità occupazionale del sistema sanitario regionale, che con le sue caratteristiche di universalità e capillarità, ha dimostrato la sua capacità nella gestione dell’emergenza Covid”.

“Per questo riteniamo che i nuovi commissari – proseguono i consiglieri – debbano provvedere quanto prima allo scorrimento delle graduatorie aperte e in scadenza dove possibile, alla stabilizzazione di chi vive nel precariato e all’auspicabile avvio di una nuova fase concorsuale, qualora però non esistano graduatorie in essere e possibilità di stabilizzazioni per provvedere così in tempi rapidi alla presa in carico di nuovo personale. Altre Regioni si sono mosse per tempo in questo senso, attirando anche personale capace e formato dall’Umbria, su cui il sistema sanitario ed universitario umbro ha investito: è prioritaria una nostra azione in tal senso”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La storia di un’artigiana ternana, dal riciclo del materiale di scarto alla trasformazione in pezzi unici: “Collane, bracciali, orecchini su misura”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento