Sanità “malata”, la diagnosi dei sindacati: ancora problemi di personale per l’ospedale di Terni

Cgil, Cisl e Uil: “Liste d’attesa troppo lunghe per attività ambulatoriali e chirurgiche, no alla chiusura definitiva del pronto soccorso di Narni e Amelia. Va sospesa la delibera sul trasferimento del dirigente delle professioni sanitarie”

La diagnosi dei sindacati sulla sanità ternana: l’ospedale di Terni continua a fare i conti con le carenze di personale, le liste d’attesa per le prestazioni ambulatoriali e chirurgiche sono troppo lunghe, no alla chiusura del pronto soccorso di Narni-Amelia. E la delibera che prevede il trasferimento della attuale dirigente delle professioni sanitarie dell’azienda Santa Maria va sospesa.

Sono le questioni principali sollevate dalle segreterie territoriali delle funzioni pubbliche di Cgil, Cisl e Uil in vista della “fase tre” della sanità del territorio.

Se i sindacati apprezzano la proposta di Andrea Casciari, commissario dell’azienda ospedaliera di Terni di “riorganizzare” l’ospedale cittadino, creando un “polo di malattie infettive esterno al corpo ospedaliero centrale” per consentire all’azienda di riprendere le normali attività ambulatoriali e chirurgiche nel corpo centrale, istituendo così un ospedale “Covid free, avendo però sempre disponibile una struttura per malattie infettive, pronta a fronteggiare eventuali eventi epidemici che potrebbero presentarsi in futuro o un riacutizzarsi dell’attuale pandemia”, non possono essere dimenticate altre urgenze.

“Rimane tutt’altro che risolto il problema delle attuali liste di attesa, per le attività ambulatoriali e chirurgiche, problematica aggravata anche dalle notizie che abbiamo dopo gli incontri avuti con la direzione aziendale della Usl 2, la quale per motivi organizzativi dovuti al rispetto dei protocolli anticovid, e per le strutture che male si prestano al rispetto del distanziamento sociale, potrà garantire solo in minima parte la riduzione delle liste di attesa. Va anche evidenziata la nostra contrarietà alla chiusura in via definitiva dei pronto soccorso di Narni e Amelia che determinerà un disagio per i cittadini ed un aggravio di lavoro per il pronto soccorso di Terni, già oberato di accessi”. 

I sindacati giudicano poi “irrisolto” il problema delle dotazioni organiche dell’azienda ospedaliera di Terni. Una problematica “che le organizzazioni sindacali hanno posto ormai da anni, sostenendola con una vertenza durata quasi due anni, che purtroppo non ha trovato riscontro nel passato quadro politico. L’emergenza Covid ha di fatto aggravato la situazione: l‘istituzione di più posti letto in pneumologia e di terapie intensive, ci impone non solo un numero adeguato di personale, ma richiede degli infermieri con una esperienza professionale che deve essere costruita negli anni e che non si possiede certamente alla fine dei percorsi di laurea. Stesso ragionamento vale per i medici anestesisti i quali divengono sempre più essenziali sia nelle attività chirurgiche che nelle attività di rianimazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ultimo passaggio della nota sindacale riguarda “la notizia che l’attuale dirigente delle professioni sanitarie dell’azienda ospedaliera verrà comandata presso l‘ospedale di Rieti, senza una adeguata sostituzione. Nell’emergenza Covid il personale sanitario, medico e del comparto (infermieri, tecnici, ostetriche, Oss), ha dato una risposta straordinaria, riuscendo a garantire alla cittadinanza una assistenza sanitaria adeguata, nonostante la virulenza del fenomeno. Non è certo intenzione delle organizzazioni sindacali limitare o intervenire sulle esigenze familiari o sulle legittime ambizioni personali (anche se per il personale del comparto le mobilità e i ricongiungimenti familiari sono sempre molto problematici, se non impossibili) ma è del tutto evidente che una struttura così delicata, in una emergenza non ancora risolta, che conta circa 1200 unità, non può essere lasciata senza una guida autorevole di livello dirigenziale. Chiediamo per cui che venga sospesa la delibera di trasferimento, in attesa che si concretizzi una adeguata sostituzione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus prima casa, fino a quarantamila euro a fondo perduto: c'è il bando, domande fino al 15 ottobre

  • Investimento da 4 milioni, mille clienti al giorno e posti di lavoro: apre un nuovo supermercato

  • Lugnano, un'edicola acquistata da un mese già rischia di chiudere: "Mi avevano detto che era tutto a posto"

  • Rissa in pieno centro a Terni tra lo stupore dei passanti, giovane trasportato all’ospedale

  • Chiude storica attività commerciale di Terni: “Un punto di ritrovo per i tifosi e i frequentatori del mercatino”

  • Flavio e Gianluca, la “lezione” non è servita. E il metadone di Terni continua a fare “vittime”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento