Domenica, 17 Ottobre 2021
Attualità

Palazzo Spada: “Accattivante con le nuove illuminazioni. Occorre un rifacimento degli intonaci per restituire una veste più consona”

Il capogruppo di Terni Civica Michele Rossi: “Contrasto stridente tra giorno e sera. Rappresenta senza dubbio la più imponente e significativa residenza nobiliare della nostra città”

Una ‘nuova’ veste per Palazzo Spada. La casa comunale può infatti beneficiare di un’illuminazione notturna che consente di poter dare ulteriore lustro e prestigio all’edificio storico. A seguito dell’inaugurazione, avvenuta in concomitanza con il ripristino della fontana di piazza Europa, il capogruppo di Terni Civica Michele Rossi ha sottoposto al sindaco Latini ed all’assessore competente Benedetta Salvati un atto di indirizzo. Secondo il consigliere: “Il nuovo impianto rende ancora più evidente il contrasto stridente con l’immagine che la nostra sede municipale evidenzia durante il giorno. Salta subito all’occhio – osserva Rossi - come risulti ormai terribilmente datato l’intervento di restauro eseguito per adattare lo storico edificio a sede municipale, lasciando a vista le superfici in pietra ed adottato specie nei fronti interni, infissi del tutto inadatti all’architettura della antica costruzione specie quelli con una struttura in alluminio anodizzato. Si tratta infatti di un intervento eseguito con una sensibilità molto diversa da quella attuale per quanto concerne il restauro e la valorizzazione degli edifici monumentali, con aggiunta del tutto arbitraria di materiali estranei alla storia della costruzione”.

I motivi per un auspicato intervento: “I travertini del portale e delle finestre, come anche le bugnature angolari, si presentano ormai completamente annerite dai fumi e dallo smog. Di conseguenza necessitano di un trattamento di pulitura e consolidamento che le riporti alla cromia originale”. Inoltre: “Le facciate sono state inopportunamente scorticate nel precedente restauro, dando all’edificio l’aspetto che si avvicina più a quello di un fortilizio che di una residenza nobiliare rinascimentale del suo tempo, ponendo in essere un falso storico”. Pertanto: “Risulta quanto mai opportuno procedere ad un rifacimento complessivo degli intonaci che possano restituire all’edificio una veste più consona, alla sua epoca di costruzione, con un intervento maggiormente rispettoso della sua storia. Infatti la muratura fortemente irregolare del palazzo era pensata per essere coperta da uno strato di intonaco, sempre previsto in questo tipo di edifici e pensato per dare una veste unitaria ed una maggiore protezione alla muratura stessa. Inoltre specie nel cortile interno la diversa cromia serviva a sottolineare i vari elementi architettonici dando un risalto specifico alle diverse parti come si può ben riscontrare scorrendo le foto d’epoca”.

Infine: “Risulta indispensabile procedere ad una sostituzione degli infissi per avere anche un efficientamento energetico visto la vetusta e la precarietà di molti di essi”. Per questi motivi spiegati il capogruppo sottopone l’atto a sindaco ed assessore impegnandoli a far proprie tali considerazioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzo Spada: “Accattivante con le nuove illuminazioni. Occorre un rifacimento degli intonaci per restituire una veste più consona”

TerniToday è in caricamento