rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Attualità

Il panettone più bello del mondo porta la firma della pasticciera umbra Flavia Garreffa. “Dedico il premio alle mamme lavoratrici”

Storie di donne | Un riconoscimento internazionale arrivato dopo un periodo molto difficile: “A tutte le donne che portano avanti lavoro e famiglia spesso tra grandi sacrifici”

La Federazione internazionale di gelateria, cioccolateria e pasticceria, FIPGC, ha appena conferito un riconoscimento molto prestigioso alla perugina Flavia Garreffa: è lei, infatti, l’autrice del miglior panettone decorato al mondo.

La giovane cake designer, infatti, si è laureata campionessa nella categoria “Decorati” della sfida internazionale indetta dalla massima istituzione dell’arte pasticcera e ne va orgogliosa: “Per me è stato un traguardo importante - racconta a Perugia Today la neo campionessa - perché arriva dopo un momento molto difficile. Infatti nel 2020, con la pandemia, il forno in cui lavoravo ha fermato le attività e mi ha messo in cassaintegrazione. Con lo sblocco dei licenziamenti, poi, mi ha licenziata. Ho perso così il lavoro e poco prima avevo anche vissuto una difficile malattia, un cancro. A questo si aggiunge il fatto che ho una bimba piccola e non è stato facile gestire tutto. Ma non mi sono persa d’animo. Ho continuato con la mia grande passione per la pasticceria e ho preso parte a questo concorso. Nel 2020 ero arrivata seconda, vincendo l’argento, ai Campionati italiani di pasticceria. Questa difficile situazione mi ha dato lo stimolo per puntare all’oro e ora è arrivato questo bellissimo risultato”.

Flavia, come è iniziata la sua storia professionale nel mondo della pasticceria?

“La mia è innanzitutto una grande passione. Mi è sempre piaciuta la pasticceria, ma come carriera di studi avevo intrapreso medicina. In parallelo continuavo a lavorare e strada facendo ho capito che il lato artistico prevaleva su quello razionale e non ho potuto fare a meno di seguire questo richiamo. Così ho fatto una scelta: ho frequentato la scuola di pasticceria dell’Università dei Sapori di Perugia dalla quale sono uscita a pieni voti e ho subito trovato lavoro come pasticcera”.

Dopo un momento tanto difficile come quello che ci hai raccontato, cosa l’ha spinta a ripartire con tanto slancio?

“Quando hai delle passioni, queste ti salvano, anche quando le cose vanno male tutte insieme. Molti dicono che basta crederci, ma non è esattamente così. Devi anche resistere, resistere, resistere e andare avanti. Molte volte la difficoltà ti serve per capire quanto tieni a quella cosa. Per noi donne è ancora più difficile perché abbiamo la responsabilità dei figli e della famiglia e il mondo non ti aiuta affatto. Per questo ho volute dedicare questo premio alle mamme lavoratrici, perché so quanto c’è dietro a questo risultato”.

Quali saranno i suoi prossimi impegni professionali?

“La Fipgc mi ha invitato alla Host Fiera di Milano come espositrice. Poi con il mio compagno forse apriremo una sua pasticceria dove potremo lavorare insieme”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il panettone più bello del mondo porta la firma della pasticciera umbra Flavia Garreffa. “Dedico il premio alle mamme lavoratrici”

TerniToday è in caricamento