Papigno, la bonifica del Sin verso la svolta: “Ritardi ingiustificati nel risanamento. Grazie alla Commissione Ecomafie”

L’associazione Papigno Pesche dopo la pubblicazione della relazione: “Continuiamo a sperare e lottare per ottenere quello che è dovuto: la restituzione dell’area risanata”

foto di repertorio

Soddisfazione. E’ il termine evidenziato dall’associazione Papigno Pesche, a seguito della relazione approvata all’unanimità dalla Commissione Ecomafie. Tale documento ora sarà sottoposto al vaglio delle Camere e potrebbe sbloccare una situazione che persiste ormai da quasi vent’anni: “Sono diciassette” precisano dall’associazione: “Come ambientalisti denunciamo i ritardi ingiustificati nel risanamento di una delle 39 aree più inquinate del paese”.

Un’etichetta (Sin, ndr): “Non proprio come un IGP o un DOC. Sarebbe bene che lo ricordassero, e lo avessero fatto in precedenza gli amministratori che governano la città di Terni e l’Umbria e che, è triste registrarlo, senza soluzione di continuità -pur di fronte ad un cambio di colore e di ideologia- continuano a ‘sorvolare’ sulla tematica rinviando sempre più avanti nel tempo i dettami e gli input ministeriali per l’approfondimento dei carotaggi e l’analisi della situazione delle acque dell’area interessata”.

La relazione della Commissione

La Commissione Ecomafie composta dagli onorevoli Stefano Vignaroli, Renata Polverini e Simone Bossi ha affrontato diverse problematiche persistenti nella regione dell’Umbria con particolare focus sul Sito di interesse nazionale di Terni-Papigno: “L’analisi delle informazioni acquisite – viene specificato all’interno del documento - mostra scarse attività concrete poste in essere e un basso livello di intervento attivo e di attenzione sulla situazione del sito”. Il presidente Vignaroli ha poi evidenziato come il lavoro, tra approfondimenti, ricerche, visite in presenza sia stato svolto per: “Fare luce sulle diverse criticità e su vicende che vanno avanti da troppo tempo, a partire dalla bonifica mai conclusa del Sin di Terni-Papigno”.

Un auspicio che viene rimarcato dalla presidente Maria Cristina Garofalo di Papigno Pesche: “Ora che la Commissione si è espressa in modo netto, imparziale e definitivo, noi continuiamo a sperare e lottare per ottenere quello che è dovuto: la restituzione alla comunità dell’area risanata. Eppoi che ognuno ci faccia ciò che crede o che gli verrà concesso. A noi – chiosa - sta a cuore la salute delle persone e il risanamento e rispristino ambientale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL NOSTRO APPROFONDIMENTO SU PAPIGNO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella notte a Terni, commerciante trovato morto nel suo negozio

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento