Parco di via del Raggio Vecchio nel caos: “Abuso di alcol e non solo”

Una sottoscrizione da parte di un gruppo di cittadini destinata al Sindaco ed alle autorità competenti in materia di sicurezza

raggio vecchio

Il parco pubblico tra via del Raggio Vecchio e via del Lanificio sotto la lente di ingrandimento. Un gruppo di cittadini della zona si è organizzano per segnalare al Sindaco ed alle autorità competenti, in materia di sicurezza, ciò che accade al calar del sole e nelle ore seguenti notturne. L’auspicio è che il parco: “Torni ad essere tale vigilando ed intervenendo affinchè non si trasformi in un ritrovo per persone dedite all’uso e talvolta all’abuso di sostanze alcoliche. In alcuni casi – sottolineano – si sono notati dei movimenti che fanno presumere lo spaccio di stupefacenti. Tutto ciò può provocare in soggetti in alterato stato di autocontrollo pericolose manifestazioni di violenza, come avvenuto anche in occasioni recenti”. Secondo i sottoscrittori le bottiglie di vetro, gettate al lato del giardino: “Una volta rotte costituiscono un evidente pericolo. Il parco – fanno notare i residenti – è nato per garantire un punto di ritrovo soprattutto per anziani e bambini i quali, non avendo grandi possibilità di spostamento, usufruiscono delle panchine”. Infine la richiesta di bonificare e salvaguardare la zona dal degrado in cui è precipitata anche mediante l’uso di telecamere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento