Lunedì, 18 Ottobre 2021
Attualità

Parco Mola di Bernardo, segnalazioni di pericoli e l’elogio: “Il comitato lo mantiene in maniera straordinaria”

L’interrogazione presentata dal Movimento Cinque Stelle e le risposte formulate dagli assessori Giovanna Scarcia e Benedetta Salvati

Schiamazzi notturni percepiti, punto di ritrovo di tossicodipendenti con ritrovamenti di siringhe senza dimenticare i quattro coltelli rinvenuti in una delle aiuole del parcheggio adiacente”. Il Movimento Cinque Stelle, nella persona del capogruppo Federico Pasculli, ha sottoposto all’attenzione della giunta un’interrogazione concernente il parco di via Mola di Bernardo. Tra le richieste evidenziate, quella di installare delle telecamere di sicurezza: “Scongiurando così il perseguire degli atti i quali mettono a repentaglio l’incolumità delle persone, oltre che aumentare la presenza di vigilanza attiva”.

Le risposte

L’assessore Giovanna Scarcia, sollecitata sul tema, ha rilevato come: “Il personale di polizia locale svolge attività di monitoraggio e prevenzione per eventuali illeciti amministrativi, occupandosi degli aspetti legati alla vivibilità per prevenire fatti che possano mettere a repentaglio la quiete pubblica. In questo contesto ha inserito controlli serali e notturni per aumentare il livello di sicurezza e rafforzare le misure a tutela del decoro. Questi monitoraggi scaturiscono da iniziative specifiche e da richieste pervenute alla centrale operativa. Durante i predetti, piuttosto reiterati nei mesi scorsi, non sono stati mai rilevate situazioni che hanno poi comportato l’adozione di misure urgenti a persone e cose”.

Aperture e chiusure dei parchi: “Viene regolamentata da apposita ordinanza sindacale. L’ultima ha perso efficacia poiché seguiva l’andamento delle normative anticovid. Rientra quindi in vigore quella dell’8 luglio 2020 e si collega al progetto stipulato con ‘Terni col cuore’”. Capitolo videosorveglianza: “Non era incluso il parco di Mola di Bernardo nei progetti di cui era stato chiesto il finanziamento. Poiché il patto ‘Terni sicura’ sul quale stiamo lavorando con la Prefettura si focalizzerà sui parchi, cercheremo con i fondi della regione o quelli ministeriali, se riusciremo ad ottenerli, a coprire anche lo spazio verde”.

L’assessore Benedetta Salvati ha aggiunto: “Abbiamo promosso un patto di sussidiarietà e perfezionato un patto di collaborazione, rivolto alla cura gestione e manutenzione, con il locale comitato di cittadini i quali vivono il quartiere. Per la manutenzione ordinaria il comune contribuisce con aiuti economici per almeno tre anni. Per quella straordinaria, oltre a pregressi contributi, ho dato mandato agli uffici per fare un computo sulle risorse necessarie per un possibile intervento. Faccio i complimenti al comitato dei cittadini che tengono in maniera straordinaria quel parco, sicuramente meglio di come lo potremmo mantenere noi da soli.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco Mola di Bernardo, segnalazioni di pericoli e l’elogio: “Il comitato lo mantiene in maniera straordinaria”

TerniToday è in caricamento