Patto tra cittadini e Comune per salvaguardare gli spazi pubblici

Attivati altri due patti di collaborazione, il primo con il Centro sociale Il Rivo e il secondo con l'associazione zoolofila ambientale anche contro l’abbandono e la cattiva gestione dei rifiuti urbani.

Altri due patti di collaborazione tra associazioni di cittadini e amministrazione comunale sono stati attivati nelle scorse settimane a cura dell’assessorato alla partecipazione. Il primo coinvolge il Centro Sociale il Rivo ed ha l’obiettivo di favorire attività ed iniziative di cura e rigenerazione dell’area verde di Via del Rivo.
In particolare il Patto, oltre ad essere dedicato al recupero e alla riqualificazione di uno spazio verde della città, mira a promuovere lo sviluppo di una rete territoriale tra i cittadini e i servizi territoriali pubblici e privati. Come modalità di azione, si prevede infatti l’attivazione di un Laboratorio Urbano Permanente che sarà la sede per il monitoraggio sull’andamento delle attività in corso e il luogo di confronto, di definizione, nell’ambito della coprogettazione, delle attività successive.. 

L’altro patto di collaborazione stipulato nelle ultime settimane coinvolge l’Associazione Ecologica Zoofila Ambientale – Guardia Nazionale. Il patto con l’Aeza ha l’obiettivo di promuovere attività ed iniziative per la salvaguardia ambientale del territorio comunale e dei beni comuni, contro l’abbandono e la cattiva gestione dei rifiuti urbani.
In particolare il Patto prevede il prendersi cura, attraverso la vigilanza, degli spazi cittadini che si trovano in condizioni di degrado a seguito di atti di vandalismo o negligenza e incuria da parte dei cittadini stessi. Anche in questo caso poi sarà dato impulso a una rete territoriale per mettere in connessione i cittadini con i servizi territoriali pubblici e privati. 

L’assessore alle Politiche Sociali e alla Partecipazione del Comune di Terni Marco Celestino Cecconi ribadisce "l'interesse dell'Amministrazione agli strumenti innovativi e ai modelli sperimentali per rendere effettiva la partecipazione e la collaborazione tra cittadini e istituzioni pubbliche locali in un’ottica di reciprocità e sussidiarietà". "Tutto questo con l’idea di recuperare gli spazi pubblici con finalità sociali, valorizzando il concetto di bene comune, con attività che contrastino il degrado urbano".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • La storia | "I miei inquilini sono morosi da mesi. Sto pagando tutto io". Lo sfogo di una cittadina di Terni

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento