Pensioni d’oro, in Umbria il secondo assegno più alto d’Italia: 651mila euro l’anno

Avvocato, ex dipendente comunale, incassa oltre 50mila euro al mese (lordi) più la tredicesima. L'importo era stato ridotto a 5.300 euro ma ora i giudici gli hanno dato ragione. Tutti i dettagli

Mario Cartasegna

Ai più il nome di Mario Cartasegna potrebbe non dire nulla. Eppure, nel 2005 divenne suo malgrado famoso. Ne parlò Gian Antonio Stella sul Corriere della sera in uno dei suoi tanti articoli “anti-casta” e Mario Giordano lo incluse ne suo libro “Vampiri”.

Avvocato, ex dipendente del Comune di Perugia, Cartasegna incassa la seconda pensione più alta d’Italia. La prima è appannaggio di Mauro Sentinelli, ex ingegnere Telecom che vive con 1,2 milioni di euro – sempre lordi – all’anno. Cartasegna deve invece “accontentarsi” di 651mila euro, compresa la tredicesima. Ma ha dovuto battagliare per vedere riconosciuti i suoi diritti.

Pensioni d’oro: ecco la situazione nel Ternano

Il maxi assegno di Cartasegna è il risultato della pensione maturata a cui nel tempo sono stati sommati i contributi versati sulla base delle parcelle incassate per le cause vinte con l’avvocatura di Perugia. Quando il caso esplose in tutto il suo clamore, amministrazione perugina e Inps fecero ricorso, sostenendo che gli onorari extra non potevano essere calcolati ai fini pensionistici. Il giudice diede ragione ai ricorrenti, riducendo l’assegno a 5.300 euro al mese (più tredicesima) ed imponendo a Cartasegna di restituire 3,3 milioni indebitamente percepiti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La battaglia a suon di carte bollate è però andata avanti, fino ad approdare alla sezione centrale d’Appello della Corte dei conti, che ha ribaltato la sentenza e restituito a Cartasegna la sua pensione d’oro: gli oltre 650mila euro gli spettano di diritto e lo proiettano nell’Olimpo dei record. Prima di lui in Italia c’è solo Sentinelli. Sul secondo gradino del podio assieme a lui ci sono Mauro Gambaro e Alberto De Petris. Segue a ruota Vito Gamberale (ex capo Tim e Autostrade), con 45mila euro al mese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Raccordo Orte-Terni, si apre voragine sulla carreggiata: traffico in tilt ed intervento del personale Anas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento