Mercoledì, 17 Luglio 2024
Attualità

Terni, il Piano Periferie e lo sviluppo del centro: “Lavoriamo per riposizionare l’università nel cuore della città”

Gli assessori Marco Iapadre, Stefania Renzi e Sergio Cardinali sulle azioni attuative di marketing ricomprese nell’ambito del Piano Periferie

La sala videoconferenze della Btc ha ospitato la conferenza stampa sulle azioni attuative di marketing ricomprese nell’ambito del Piano Periferie. All’iniziativa svoltasi in mattinata, mercoledì 12 giugno, hanno partecipato gli assessori Marco Iapadre, Stefania Renzi e Sergio Cardinali oltre all’operatore economico Iscom Group. Le attività di marketing prevedono il coinvolgimento degli operatori economici, in una riflessione sugli effetti e ricadute degli interventi del Piano Periferie, relativamente a tre degli ambiti interessati caratterizzati da un’alta intensità commerciale e su cui insistono interventi fisici a maggior impatto, attraverso cicli di incontri e co-progettazione per zone, workshop tecnici di progettazione.

Ad inaugurare gli interventi l’assessore alla pianificazione territoriale Marco Iapadre: “Abbiamo riconosciuto da subito la grande potenzialità di questi strumenti strettamente legati alla rigenerazione del tessuto urbano e la loro attinenza alle nostre linee strategiche declinate in indirizzi e obiettivi nel documento unico di programmazione. Voglio sottolineare l’importanza di un approccio partecipativo, basato sulla collaborazione in cui le progettualità non vengono calate dall’alto. Sono infatti il frutto di una progettazione che muove anche dal basso. Il Quadro strategico di valorizzazione è già entrato nel vivo con il primo tavolo di lavoro".

A seguire l’assessore al commercio Stefania Renzi: “Mi scontro quotidianamente con la problematica di conciliare la vivibilità con la vitalità del centro cittadino per questo ritengo che il progetto vada portato avanti in sinergia, cercando un equilibrio tra tutte le diverse istanze". Infine l’assessore allo sviluppo economico Sergio Cardinali: “Credo che le progettualità vadano calate all’interno del tessuto della città. Dobbiamo immaginare il centro come il cervello pulsate della città, per il commercio ed i servizi. Fondamentale l’elemento della partecipazione declinato essenzialmente in due ambiti. Dobbiamo pensare che proprio al centro ci siano nuove intelligenze. Pertanto i giovani vanno coinvolti".

Una possibile soluzione: "Insieme all’assessore all'Università Viviana Altamura stiamo lavorando a riposizionare l’università in centro anche per favorire la partecipazione dei giovani. Ritengo inoltre che tutta la portata innovativa di questi strumenti vada coniugata e sostenuta anche con le risorse economiche del sistema che in passato ha condotto nella situazione di difficoltà in cui siamo oggi, utilizzando le multinazionali ancora presenti che devono rivedere il loro ruolo in chiave sostenibile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, il Piano Periferie e lo sviluppo del centro: “Lavoriamo per riposizionare l’università nel cuore della città”
TerniToday è in caricamento