Politiche per il lavoro, i centri per l'impiego saranno potenziati con le assunzioni: si inizia con 45

È stata siglata dai sindacati con l’amministrazione dell’Arpal, la nuova agenzia per le politiche attive per il lavoro, l’intesa per il piano straordinario di assunzioni per il potenziamento dei centri per l’impiego e delle politiche attive per il lavoro

È stata siglata stamattina, 20 settembre, dai sindacati Fp Cgil, Fp Cisl e Uil Fpl con l’amministrazione dell’Arpal, la nuova agenzia per le politiche attive per il lavoro, l’intesa per il piano straordinario di assunzioni per il potenziamento dei centri per l’impiego e delle politiche attive per il lavoro. Previste già a partire dal 2019 45 assunzioni, che saliranno a 111 entro il 2021. Un piano assunzionale fortemente voluto dai sindacati, che più volte hanno, con forza, sottolineato l’emergenza di una dotazione organica inadeguata all’effettiva esigenza che nel quotidiano si riscontra in tutte le sedi in cui sono articolati i servizi di politiche attive per il lavoro.
Il piano prevede sin dal 2019 un concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’assunzione di personale a tempo indeterminato, categoria C, per profilo tecnico di “Operatore del mercato del lavoro”, con possibilità di riserva del 50% dei posti al personale interno avente i requisiti previsti dalle norme; inoltre, si prevede lo scorrimento delle graduatorie ancora in vigore per l’assunzione di 13 unità, al fine di accelerare in quest’anno l'andamento delle assunzioni necessarie nei centri per l’impiego. A ciò si aggiunge l’assunzione di ulteriori 8 unità a tempo determinato con contratto triennale, attraverso lo scorrimento delle graduatorie, grazie ai Fondi Europei (PON Inclusione), come per le 10 unità già collocate nelle sedi della provincia di Perugia e di Terni. Per queste complessive 18 unità a tempo determinato si è inoltre condiviso con l’amministrazione e assunto nell’intesa l’impegno per la la loro stabilizzazione nel 2021.
“Si tratta di un risultato straordinario per la pubblica amministrazione umbra - commentano Silvia Pansolini (Fp Cgil), Marco Cotone (Uil Fpl) e Ubaldo Pascolini (Fp Cgil) - frutto di continui confronti con l’amministrazione sollecitati dai sindacati confederali e dalla RSU, che attivamente si sono impegnati e continueranno a impegnarsi, come previsto nell’Intesa, attraverso la costruzione di un tavolo permanente di confronto e monitoraggio dei processi assunzionali in corso, con l'obiettivo del potenziamento dei servizi, compresa l’area della formazione professionale e dei servizi all’impresa. A ciò aggiungiamo anche l’importante obiettivo che abbiamo previsto e che sarà oggetto di confronto nel prossimo appuntamento con l’amministrazione - continuano i sindacalisti - ovvero la massima valorizzazione possibile dell’esperienza e della professionalità dei lavoratori che hanno, a diverso titolo, operato nei servizi delle politiche attive, attraverso la definizione di procedure finalizzate alle progressioni di carriera, sia per gli operatori (cat. B) sia per gli istruttori tecnici e amministrativi (cat. C)".
Tanta “carne al fuoco”, dunque, in questo percorso per l'amministrazione e i sindacati, con l’aggiunta di una particolare attenzione alle esigenze territoriali di tutte le sedi, da quelle centrali a quelle periferiche e relative ad entrambe le province di Perugia e di Terni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento