Movida a Terni, i controlli della polizia locale. Pioggia di sanzioni tra assembramenti, musica fuori orario e vendita di alcolici

L’assessore alla polizia municipale Giovanna Scarcia fornisce i dati relativi al periodo comprensivo tra il 28 agosto ed il 13 settembre

foto di repertorio

Divertiamoci è il pacchetto di misure che sono state adottate, dallo scorso 24 luglio, per garantire una movida più sicura e sostenibile. Ha coinvolto il servizio interforze, in collaborazione con le associazioni di categoria dei commercianti, i gestori dei locali del centro, l'Università e l'Ufficio Scolastico Provinciale. La scadenza è fissata per la giornata di domani, 30 settembre. Tuttavia, come è noto, tale progetto si è contraddistinto nelle serate di maggior frequentazione del centro, focalizzando l’attenzione su quelle di venerdì, sabato e domenica.

Il bilancio della polizia locale

L’assessore Giovanna Scarcia, rispondendo ad un’interrogazione del capogruppo della Lega Federico Brizi ha tracciato un bilancio di quanto accaduto, durante questo lasso di tempo: “Il personale della polizia locale è stato impegnato in tutte le serate previste, in coordinamento con il questore. A tal proposito gli agenti hanno prestato attività di vigilanza e controllo, ponendo particolare attenzione a soggetti pregiudicati. Inoltre ai comportamenti dei minori connessi all’uso di alcolici e sostanze stupefacenti ed all’accertamento e sanzionamento delle apposite ordinanze sindacali. Ne sono state emesse in materia di tranquillità e riposo dei residenti, orari di vendita, detenzione di contenitori di vetro, cessione di bevande a minorenni, orari di fruizione dei tavoli ed effettuazione della musica dentro e fuori i locali”.

La particolarità: “I controlli sono stati espletati in modalità appiedata. Tutto ciò ha consentito una diminuzione delle chiamate per il disturbo alla quiete pubblica. Nel frammento 1 agosto 5 settembre ne sono state riscontrate cinque, poi risolte in maniera positiva”. Le violazioni accertate nel periodo tra 28 agosto e 13 settembre: “Quattro per assembramenti in luoghi pubblici o aperti al pubblico, tre per mancato utilizzo del dispositivo di protezione individuale. Inoltre due per la riproduzione di musica oltre l’orario consentito. Altrettante sempre per lo stesso motivo ma violazioni diverse. Infine una per vendita di alcolici minori e sei per detenzione di bevande in contenitori di vetro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Ospedale di Terni, ulteriore stretta sugli accessi: i provvedimenti attuati per limitare la diffusione del Coronavirus

  • Covid, un’altra giornata di contagi: due casi nell’ex zona rossa di Giove, Terni in controtendenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento