Polo di Genomica a Terni: "Facciamolo conoscere agli studenti degli istituti superiori"

L'iniziativa è stata adottata dall'assessore alla scuola Valeria Alessandrini in collaborazione con Greta Immobile Molaro amministratore del polo di GGB

Un’iniziativa adottata dall’assessore alla scuola e ricerca Valeria Alessandrini in collaborazione con Greta Immobile Molaro, amministratore di GGB. Destinatari gli studenti degli istituti superiori con la finalità di far conoscere il Polo d’Innovazione di Genomica, Genetica e Biologia di Terni. Obiettivo dichiarato: “Diffondere la conoscenza e permettere alle nuove generazioni di avvicinarsi alle tecnologie e alle applicazioni studiate nel laboratorio”.

Il Polo di Genomica: un centro di alta specializzazione

Il Polo di Genomica è un centro di alta specializzazione, nato nel 2011, con l’obiettivo di sviluppare competenze e formazione nel campo delle scienze della vita. Rappresenta un centro di ricerca e servizi unico nel panorama italiano, dove differenti tecnologie si integrano per dare l’input a soluzioni innovative ed al servizio della scienza, in grado di fornire capacità operativa per l'innovazione e infrastrutture di ricerca per la cooperazione tecnica e il networking per progetti che coinvolgono la genetica, la genomica, la biologia, la bioinformatica in ambito umano, agro-alimentare e ambientale.
Il Polo GGB di Terni - sottolinea l’assessore - è punto di riferimento mondiale e rappresenta un’eccellenza della nostra città", spiega l’assessore Alessandrini. “Insieme all’amministratore delegato Greta Immobile Molaro, stiamo sviluppando progetti mirati per la valorizzazione e la crescita di questo importante centro. A tal proposito abbiamo pensato alle giovani generazioni, avviando una serie di iniziative rivolte al territorio ed in particolare agli istituti scolastici superiori”.
Il progetto prevede un seminario introduttivo alle attività scientifiche e alla tecnologia impiegata presso il laboratorio di Ecologia e Genetica a cura del Responsabile Scientifico, la proiezione di video divulgativi sul tema della malaria, del ciclo biologico della zanzara e sulla tecnologie di gene editing, un dibattito con sessione di domande e momento di riflessione in coordinamento con l’insegnante e una visita guidata negli insettari.
“Già molte scuole hanno aderito all’iniziativa – conclude la Alessandrini – troppo a lungo questa eccellenza ternana è rimasta nascosta al territorio. È dovere di questa amministrazione, ma anche un vero piacere per me, farla conoscere e apprezzare dalle giovani generazioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

Torna su
TerniToday è in caricamento