Piatti, bicchieri e posate “compostabili” alla mensa dell’ospedale: comincia la rivoluzione verde del Santa Maria

La novità dal primo ottobre grazie all’accordo con la All Food. Il commissario Pescini: negli appalti punteggi extra per aziende che scommettono su riduzione di energia e sostanze chimiche e raccolta differenziata e riciclo

Mentre lavora agli stringenti obiettivi fissati dalla Regione, il commissario dell’azienda ospedaliera “Santa Maria” di Terni, Lorenzo Pescini, in stretta collaborazione con il direttore amministrativo Gerardo Di Martino, raggiunge un primo significativo risultato finalizzato a portare l’ospedale verso l’ecososteniblità.

Dal 1 ottobre infatti -  la notizia arriva proprio nei giorni del Global #WeekForFuture - nella mensa ospedaliera il materiale di consumo in plastica sarà sostituito con piatti, bicchieri e posate compostabili. “Questo primo traguardo – spiega Pescini - è frutto di un’ottima concertazione con All Food, l’azienda ternana che gestisce il servizio mensa dell’ospedale. Un importante accordo che prevede peraltro oneri aggiuntivi solo per il fornitore, dimostrando la sua disponibilità al confronto nel trovare soluzioni innovative e a basso impatto ambientale finalizzate al miglioramento della qualità globale del servizio”.

“Abbiamo accolto positivamente la richiesta della direzione del Santa Maria di Terni di effettuare un investimento ulteriore in qualità – commenta l’ad della All Food, Massimo Piacenti - in quanto la nostra azienda è da sempre particolarmente attenta e sensibile alle problematiche ambientali, al nostro territorio e agli utenti che usufruiscono del servizio. Fin dal prossimo mese andremo a sostituire il materiale in plastica e naturalmente adotteremo anche le più appropriate modalità di smaltimento dei materiali compostabili, nel rispetto della normativa vigente”.

Questo è solo il primo passo intrapreso dal commissario Pescini, che annuncia, in accordo con gli uffici amministrativi e l’ufficio tecnico, che tutti i capitolati relativi a gare di appalto di competenza aziendale, prevedranno in futuro un requisito o un punteggio aggiuntivo, ai fini della valutazione dell’offerta, per tutte quelle misure e quegli accorgimenti orientati alla riduzione dell’impatto ambientale e all’eco-sostenibilità in ogni sua declinazione possibile in un luogo sanitario, a partire dalla riduzione di consumo di energia e di sostanze chimiche (plastica, diossine ecc.) e dalla raccolta differenziata ai fini del riciclo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • La storia | "I miei inquilini sono morosi da mesi. Sto pagando tutto io". Lo sfogo di una cittadina di Terni

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento