rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Attualità

Natale a Terni, il presepe di San Cristoforo ricco di novità: “Un abbraccio per condividere l’esperienza della Natività” GALLERIA FOTOGRAFICA

Uno spettacolo davvero emozionante e ricco di dettagli suggestivi. Fino al 2 febbraio la rappresentazione in esposizione presso la chiesa di San Cristoforo

Una passione condivisa e confluita nella rappresentazione della Natività. La parrocchia Santi Lorenzo e Cristoforo saluta con rinnovata soddisfazione l’esposizione del presepe, dallo scorso 8 dicembre. I protagonisti assoluti sono Margherita e Francesco che hanno realizzato l’opera, lavorando alacremente in questi ultimi due mesi. A dare un fattivo contributo anche il signor Domenico, il quale ha curato l’impianto elettrico.

Alla nostra redazione Margherita e Francesco illustrano le novità del presepe, edizione 2023-2024: “Ad inizio del mese di ottobre è iniziato un lungo lavoro, terminato con l’inaugurazione risalente all’Immacolata. Rispetto allo scorso anno la grande novità è rappresentata dalla transizione giorno-notte. Pertanto il posizionamento delle stelle ed il contestuale impianto elettrico che le fa brillare riproducendo alcune costellazioni come, ad esempio, Andromeda, Orione e l’Orsa Maggiore. Inoltre abbiamo inserito diverse nuove statuine, senza dimenticare quelle restaurate”. Alcune preziose testimonianze: “Il suonatore di mandolino, il guardiano dei maiali e la polpettaia, una delle statuine a cui teniamo in modo particolare”.

Ulteriori accorgimenti: “Il presepe è stato prolungato per dare spazio alla parte posteriore del deserto e del villaggio arabo, implementato e divenuto maggiormente visibile. Una forma ad abbraccio proprio per condividere la Natività ed i valori che sa trasmettere. Teniamo anche a sottolineare che il muschio in parte lo acquistiamo. Tuttavia la gran parte è mantenuto dai precedenti anni, coltivato e soprattutto conservato per garantirne l’utilizzo. Infine anche la coltivazione dell’orto ha subito delle modifiche, proprio per darne maggiore risalto”.

Presepe San Cristoforo 2023

Una tradizione che si rinnova: “L’arte va conservata, tramandata e illustrata. Abbiamo provato a sviluppare l’attività, cercando di estendere tale passione ad altre persone, portando la nostra esperienza”. Il pensiero di Margherita: “La sensazione è quella di veder nascere un bambino, ogniqualvolta lo creiamo da capo, preparandogli l’alloggio. Viviamo con intensità questo momento, così importante. Tutti i presepi meritano di essere osservati, poiché in ognuno il messaggio è il medesimo: il Signore va accolto in ognuno di noi”.  Il parroco Don Franco infine aggiunge: “Gesù entra nella vita delle persone, chiunque esse siano, sorprendendoci nelle situazioni vissute, come ha fatto con i pastori, i magi i quali hanno potuto condividere un momento di gioia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Natale a Terni, il presepe di San Cristoforo ricco di novità: “Un abbraccio per condividere l’esperienza della Natività” GALLERIA FOTOGRAFICA

TerniToday è in caricamento