rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Attualità

Solo tre bambini in più in cinque anni, “saluti” ai quarantenni: così Terni perde i pezzi

Le proiezioni Istat sulla popolazione residente in città: nei prossimi otto anni, “addio” a cinque ternani ogni settimana. La Conca cambia volto

Su tutti, è un dato in particolare quello che salta agli occhi. Dal 2025 al 2030, nella fascia di età compresa fra zero e 4 anni, la popolazione residente a Terni passerà da 3.078 a 3.081 unità. Tre bambini in più in cinque anni.

È vero, si tratta di previsioni demografiche. Ma è lo strumento attraverso il quale l’Istat, Istituto nazionale di statistica traccia ormai da trent’anni “il probabile futuro di una popolazione in termini di dimensione totale e di componenti strutturali”. Ed è uno strumento piuttosto affidabile, seppure ancora sperimentale.

Partiamo comunque dalla situazione attuale. Istat certifica che la popolazione residente al primo gennaio 2021 nel territorio comunale di Terni è di 107.982 persone di cui 51.246 uomini e 56.736 donne, con 4.992 under 6 anni (2.538 maschi e 2.454 femmine), 29.600 over 65 (12.492 uomini e 17.108 donne) e 38 over 100. Se le proiezioni sono coerenti, significa che l’impatto del calo demografico toccherà in maniera molto consistente nella popolazione 0-4 visto che i residenti al primo gennaio dell’anno scorso erano 3.426 e nel 2030 potrebbero scendere a 3.081 (-345).

Secondo queste stesse proiezioni, nel 2025 la popolazione complessiva residente in città sarà di 107.483 persone (51.063 uomini e 56.420 donne). I bambini con età 0-4 anni saranno 3.078 mentre gli over 65 saranno 30.273.

Nel 2030, la tendenza dice che la popolazione residente a Terni si comporrà di 105.637 unità, 50.362 uomini e 55.275 donne. Si registrerà un leggero incremento nella fascia 0-4 con 3.081 residenti (+3) mentre gli over 65 saranno 32.410 (+2.137).

A “perdere i pezzi” saranno soprattutto le fasce d’età under 12 e, in maniera rilevante, i quaranta/cinquantenni. Guardando le statistiche, i 40-44 anni nel 2025 saranno 6.241 e nel 2030 5.758 (-483); i 45-49 anni saranno 7.647 nel 2025 e 6.332 nel 2030 (-1.315); i 50-54 anni saranno 8.935 nel 2025 e 7.715 nel 2030 (-1.220); i 55-59 anni saranno 9.214 nel 2025 e 8.965 nel 2030 (-249). Si torna a crescere a partire dagli over 60: nella fascia 60-64, le proiezioni dicono 8.276 residente nel 2025 e 9.182 nel 2030 (+906).

Il problema dunque appare abbastanza chiaro: sicuramente mancano i figli, nel solco di quell’inverno demografico che continua ad essere la crisi vera del Paese. Ma si assisterà presumibilmente ad una “emigrazione” della forza lavoro, soprattutto di quella qualificata. Quaranta e cinquantenni se ne vanno. O meglio, se ne andranno in cerca di un futuro migliore di quello che potrebbero costruirsi in città.
Ma visto che si tratta di proiezioni, forse ancora qualcosa si può fare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Solo tre bambini in più in cinque anni, “saluti” ai quarantenni: così Terni perde i pezzi

TerniToday è in caricamento