rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Attualità

Procura di Terni, caso Alberto Liguori, sospesa la sentenza del Tar Lazio

Accolta dal consiglio di Stato l’istanza cautelare e altro dietrofront intorno alla mancata conferma dell’incarico del magistrato. Udienza nel merito fissata per il 28 novembre

Ennesimo dietrofront nel caso riguardante la posizione di Alberto Liguori come procuratore capo di Terni. Martedì, è stata accolta dal consiglio di Stato l’istanza cautelare che sospende così la decisione del Tar Lazio, che la settimana scorsa aveva sposato la decisione del consiglio superiore della magistratura di non confermare il magistrato a capo della procura di Terni

Nel mirino le chat intercorse tra Alberto Liguori e Luca Palamara, ex presidente dell’associazione nazionale magistrati. La decisione dei giudici amministrativi di primo grado viene quindi sospesa, in attesa del giudizio di merito del consiglio di Stato con udienza fissata il 28 novembre per la discussione. 

Una vicenda iniziata a gennaio, con la decisione del plenum del consiglio superiore della magistratura di non confermare Liguori alla guida della procura al termine di un lungo dibattito, delibera approvata a maggioranza della quinta commissione. Poi altro passaggio nel percorso giudiziario, con il Tar del Lazio che torna a giudicare corretta proprio la richiesta del Csm ai vertici di palazzo Gazzoli.

Infine, l’ultimo dietrofront di martedì, con l’istanza cautelare accolta dal consiglio di Stato e il magistrato che resta a guidare la procura di Terni. Round finale a fine novembre. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Procura di Terni, caso Alberto Liguori, sospesa la sentenza del Tar Lazio

TerniToday è in caricamento