Grandi vetrate e un corridoio aereo per il tribunale: ecco come sarà la cittadella della giustizia di Terni

Riprendono i contatti tra Comune e ministero per completare il progetto in corso del Popolo. L’assessore Melasecche: ci saranno anche i giudici di pace, i messi notificatori ed altri servizi

Tecniche costruttive all’avanguardia, grandi pareti vetrate, linee sobrie ed eleganti e un corridoio aereo come collegamento al tribunale.

Ecco come sarà il secondo palazzo di giustizia che in corso del Popolo affiancherà il “palazzaccio” per andare a comporre la cittadella della giustizia. “Sono stati spediti al ministero competente i documenti con la richiesta formale relativa alla realizzazione del secondo palazzo di giustizia in corso del Popolo fra il palazzo del Tribunale ed il palazzo degli uffici del Comune”, è l’annuncia di Enrico Melasecche, assessore comunale ai lavori pubblici, che spiega come la realizzazione del nuovo edificio consentirà di riportare accanto al tribunale la procura della Repubblica, che oggi è ospitata a palazzo Gazzoli all’interno dell’edificio dell’Ater, “con notevoli problemi di funzionalità, di spesa, ma anche di sicurezza”.

“Quella del palazzo previsto e mai costruito in corso del Popolo – prosegue Melasecche – è una ferita scoperta da molti anni e che, una volta rimarginata, andrà a completare in modo definitivo l’intervento sull’intera area, in base al progetto complessivo dell’architetto Frankl”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intendiamo dunque far realizzare finalmente a Terni la cittadella della giustizia. Vi troverebbero spazio anche i giudici di pace, i messi notificatori ed altre funzioni". "Per questo – dice Melasecche - abbiamo riattivato i contatti con le autorità interessate che hanno tutte concordato sulla necessità di procedere sollecitando questo intervento. Il vantaggio sarebbe per tutti: per il Comune che vedrebbe finalmente realizzarsi quella incompiuta, dotando la città di un polo della giustizia integrato e funzionale; per il tribunale e la procura della Repubblica che recupererebbero spese oggi elevate, conseguirebbero risparmi di personale, ma anche per tutti gli operatori del settore, a cominciare dai magistrati e dagli avvocati che oggi devono spostarsi in continuazione fra corso del Popolo e via del Teatro Romano in Ztl”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento