rotate-mobile
Attualità

Nuovo ospedale, progetto alla svolta: arrivano cento milioni

La svolta con l’accordo firmato da Regione e Inail: 84 milioni per la struttura di Narni e Amelia. Confermata la formula per il project financing

Cento milioni di euro, l’accordo è con l’Inail e resta confermato lo schema pubblico-privato. Arriva a una svolta il progetto per il nuovo ospedale di Terni, rilanciato dalla Regione con la firma arrivata dopo l’ultima riunione in Regione. 

Firmato infatti il Dpcm che prevede il finanziamento da parte dell’Inail di 84 milioni per l’ospedale di Narni-Amelia e di 100 milioni per l’ospedale di Terni. Fondi che permetteranno alla Regione di utilizzare gli 84 milioni (ex art 20), inizialmente previsti per la realizzazione della nuova struttura sanitaria di Narni-Amelia, per contribuire al project financing dell’ospedale di Terni, consentendo la sostenibilità economica dell’operazione. 

Secondo l’iter, ora seguiranno gli atti procedurali, come rivedere la programmazione regionale rimettendo al Creva (Comitato Regionale di Valutazione) la valutazione dei convenzionamenti in “una esclusiva e virtuosa ottica di migliore funzionalità alle necessità integrative della sanità pubblica regionale nonché di un equilibrio tra i territori, nel rispetto di norme e procedure amministrative”, come spiega la Regione in una nota. 

Una procedura che ha smosso anche la politica. Dopo il sindaco Leonardo Latini, sulla vicenda interviene anche il presidente del consiglio comunale, Francesco Ferranti. “Sullo stadio clinica restiamo in attesa della conclusione della conferenza dei servizi regionale che alla luce anche di questa scelta ritengo potrà essere positiva come il consiglio comunale di Terni si aspetta. E’ da cogliere con soddisfazione la notizia che da un iter promosso dalla Regione e sostenuto fortemente dal Comune, da un punto di vista politico sia divenuto realtà attraverso la firma del Dpcm. Voglio sottolineare come temi amministrativi che per decenni sono stati solo chiacchiere, in questi anni, hanno preso forma concretamente. Un passo positivo verso la realizzazione del progetto stadio-clinica, anche la scelta della Regione di stabilire che le convenzioni per i posti letto in Umbria a scadenza verranno azzerate, e che i nuovi bandi prevederanno il criterio premiante per un'equa distribuzione territoriale”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo ospedale, progetto alla svolta: arrivano cento milioni

TerniToday è in caricamento