Attualità

Referendum giustizia, al via la raccolta firme anche a Terni e provincia: “Tema che riguarda ogni cittadino”

L’iniziativa organizzata dalla Lega Umbria: “Questa nostra battaglia per una ‘giustizia giusta’ non è contro qualcuno, ma è per tutti” afferma il referente provinciale Nico Nunzi

foto di repertorio

Sei quesiti referendari sottoposti all’attenzione dei cittadini. Anche in provincia di Terni sarà possibile firmare sulle tematiche che riguardano la riforma del CSM, responsabilità diretta dei magistrati, equa valutazione dei magistrati, separazione delle carriere dei magistrati, limiti agli abusi della custodia cautelare, abolizione del decreto Severino. A tal proposito la Lega Umbria ha organizzato i gazebo annunciando anche date, orari e location per poter aderire all’iniziativa.

Nello specifico sabato 10 luglio i cittadini potranno firmare a Terni, in Piazza Europa, dalle ore 10 alle 13 e dalle 17.30 alle 19.30; ad Amelia dalle 10 alle 12.30, presso la sede Lega in via delle Rimembranze, 105; a Ferentillo dalle 10 alle 12.30 e dalle 17 alle 19, nella sede Lega in via della Vittoria, 80; a Narni Scalo, dalle ore 17 alle ore 20, in via Tuderte, 134; ad Orvieto presso la Torre del Moro (Corso Cavour 87) dalle ore 10 alle 13  e dalle 17 alle 20; a San Gemini dalle ore 10 alle ore 12 all'incrocio tra via Porta Romana e via Garibaldi e dalle ore 18 alle 20 in Piazza San Francesco. Mentre domenica 11 luglio la sottoscrizione potrà essere fatta anche ad Otricoli in via Roma, 109 dalle ore 10 alle 12:30 e dalle 17:30 alle 20.

“Questi gazebo sono fondamentali – afferma il referente provinciale della Lega Terni ossia Nico Nunzi - perché consolidano ancora una volta la nostra costante presenza sui territori. È importante venire a firmare perché la tematica della giustizia riguarda ogni cittadino e non soltanto avvocati, magistrati o addetti ai lavori. Questa nostra battaglia per una ‘giustizia giusta’ non è contro qualcuno, ma è per tutti, ed è anche in favore della stragrande maggioranza dei magistrati italiani, che svolgono ogni giorno il loro lavoro con lealtà e
professionalità. Chi non riuscisse a venire a firmare nei gazebo o nelle nostre sedi – conclude Nunzi - può farlo presso l’ufficio anagrafe di tutti i municipi. Inoltre è possibile sottoscrivere il referendum anche contattando i nostri eletti, che possono autenticare le firme nei rispettivi territori di competenza. Ringrazio i consiglieri comunali, provinciali e regionali e i parlamentari che si sono messi a disposizione per la causa”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Referendum giustizia, al via la raccolta firme anche a Terni e provincia: “Tema che riguarda ogni cittadino”

TerniToday è in caricamento