rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Attualità

Rifiuti a Terni, idea Separo: “Vediamo se riusciamo a pagare i cittadini per il servizio che svolgono”

Il sindaco Stefano Bandecchi durante la discussione in consiglio comunale sulle nuove tariffe Taric. Ecco di cosa si tratta e dove nasce il brevetto che verrà analizzato da una specifica commissione

“Arrivare a pagare i cittadini per il servizio di raccolta dei rifiuti”. È questa l’idea annunciata dal sindaco di Terni, Stefano Bandecchi, durante la discussione in consiglio comunale sulla tariffa della Taric. Il dossier rifiuti dovrebbe entrare nel vivo dopo “la tornata elettorale”, ha detto Bandecchi, anticipando di avere già delle interlocuzioni in atto “con delle persone” per un brevetto che si chiama Separo.

Si tratta di un’idea sviluppata da un ingegnere molisano, Nino Emanuele Toffi, che assieme a un team di altre tre persone ha messo in piedi il progetto chiamato “Separo”. Si tratta, in estrema sintesi, di cassonetti “intelligenti” che – attraverso un sistema robotizzato – riconoscono il tipo di rifiuto che viene conferito, lo pesano e lo depositano nello spazio giusto.

Una rivoluzione il cui pezzo forte potrebbe però essere un altro. I cittadini utenti vengono infatti dotati di una card che serve ad azionare il sistema e che apre un conto corrente sul quale vengono accreditate le somme relative al pagamento del materiale conferito. Questo avviene in base ai valori che vetro, carta o alluminio hanno sul mercato delle materie prime-seconde. Una sorta di “borsa” dei rifiuti che serve a dare valore all’immondizia differenziata. In questo modo, i cittadini più “attenti” al corretto smaltimento dei rifiuti potrebbero riuscire ad avere un guadagno dalla attenta gestione dei rifiuti.

Si tratta, almeno al momento, di un’idea. Che si accompagna alle dichiarazioni che, ormai quasi un anno fa, fece lo stesso Bandecchi relativamente all’intenzione di chiudere l’era della raccolta porta a porta dei rifiuti per aprire quella dei cassonetti “di quartiere”. Un’idea sulla quale sarà al lavoro una “apposita commissione” che “deve nascere”. Ma dopo le prossime elezioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti a Terni, idea Separo: “Vediamo se riusciamo a pagare i cittadini per il servizio che svolgono”

TerniToday è in caricamento