rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Attualità

Tutti i colori di san Francesco, arriva in scena il nuovo lavoro di Matteo Corrado

SI chiama “Il Mercante di stoffe” l’ultima opera del danzatore, coreografo e regista ternano. Il commento del critico Paolo Cicchini: un momento di arte vera, di autentica poesia

Matteo Corrado, il noto danzatore, coreografo e regista ternano, torna sulle scene con un nuovo, importante lavoro. Si tratta de “Il Mercante di Stoffe”, un assolo di teatro-danza che ha come narrazione la vita ed alcuni momenti dei primi venti anni della vita di Francesco d’Assisi.

“L’opera - spiega Corrado - ruota attorno alle stoffe, ai colori ed all’attività della bottega del padre Pietro da Bernardone: una scelta questa perché il Santo di Assisi era partito proprio da quella bottega. Nello spettacolo c’è il ritorno di Francesco, ormai predicatore, ai ricordi del passato proprio mentre viveva e lavorava nella bottega in Assisi. I ricordi - aggiunge Corrado - si alternano con varie scene che sono vicine al presente. Ad ogni colore viene abbinato un racconto della semplicità e della vita di tutti i giorni. La presentazione iniziale avviene con l’ingresso in scena di Francesco con il saio e quasi ad arrivare al passato, il frate di Assisi, si spoglia del saio ed indossa una casacca medievale”.

“Durante il racconto – prosegue l’artista - si muove sulla scena toccando e presentando le stoffe. Appena indossata la casacca medievale, Francesco si racconta e racconta con quale nome fu battezzato e perché fu chiamato Francesco, durante lo spettacolo in atto unico le scene si susseguono senza pausa come in un film. Francesco ha un’introspezione sulla sua scelta di andare in guerra varie volte ma qualcosa lo ha fatto desistere dal farlo veramente, anche se la sua intenzione era quella di diventare un cavaliere. Il bianco, il rosso, il celeste, il grigio, il marrone, il rosa sono colori fondamentali ai quali gli aneddoti e le storie narrate vengono messe in scena sotto forma di danza, recitazione e canto”.

“Al termine del racconto - conclude Corrado - Francesco indossa nuovamente il saio e torna in viaggio per aiutare le anime ricordando i colori delle stoffe”.

Sullo spettacolo di Matteo Corrado si è espresso il critico d'arte Paolo Cicchini. “È uno spettacolo particolare - ha detto - quello che Matteo Corrado ha donato al pubblico presente alla prima del suo ‘Il mercante di stoffe’, ad Avigliano Umbro, nella suggestiva cornice del teatro comunale. Attraverso un dialogo interiore, che si faceva voce, Matteo Corrado ha innalzato un inno alla solidarietà, all’amore universale, nel segno eterno dell’insegnamento di frate Francesco. Protagonisti dell’opera sono i colori, la simbologia che ciascuno di essi sottintende: diversi tra loro, ma disposti a farsi sillabe di un unico messaggio, nell’armonia che tutti li compone, come tasselli di un grande mosaico che ha a protagonista l’intera umanità. Matteo Corrado - aggiunge il professor Cicchini - muove sulla scena i colori, avvalendosi del supporto di tante pezze di stoffa, dissonanti all’apparenza tra loro, ma composti e ordinati come le note di una sola sinfonia. I colori di Matteo, infatti, pur se simboli di sentimenti diversi, non cercano mai di prevalere l’uno sull’altro, facendosi piuttosto protagonisti di una armonia ritrovata oltre le ferite della nostra umanità. Un pomeriggio di arte vera, di autentica poesia, quello che Matteo ha donato al suo pubblico. Gli applausi sinceri che hanno salutato nel finale ad Avigliano sono la ‘prova provata’ della stima che tutti abbiamo per Matteo Corrado. In un mondo lacerato nell’animo come quello in cui ci è stato dato di vivere, il tuo universo di poesia illumina i sentimenti di bene che ci portiamo dentro”.

Lo spettacolo è stato riproposto alcune sere fa al Piccolo Teatro presso l’oratorio dei salesiani a Terni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutti i colori di san Francesco, arriva in scena il nuovo lavoro di Matteo Corrado

TerniToday è in caricamento