Attualità

Recovery Terni, gli studios cinematografici di Papigno tornano alla ribalta nel progetto dei "cineporti" dell'Umbria

Non solo cinema ma anche impulso a imprese creative nell’ambito dei digital media (realtà aumentata, realtà virtuale, virtual camera system, montaggi ed effetti visivi digitali, animazione)

Si chiama "recovery Terni" ed è la rubrica di Terni Today che vuole accendere un focus sui progetti del Piano nazionale di rinascita e resilienza presentati dalla giunta regionale al governo e che riguardano, nello specifico, la città di Terni e il resto della provincia. Frai i 45 progetti presentati dalla Regione al governo, spunta la riqualificazione dei "cineporti" umbri, fra i quali gli studios di Papigno.

Il progetto prevede la rifunzionalizzazione e ristrutturazione di immobili pubblici d proprietà del Comune di Terni – Studios Papigno ed ex Centro Multimediale già sede di studios cinematografici e teatri di posa al fine di realizzare un’infrastruttura integrata composta da studios per la produzione fisica di contenuti audiovisivi e i Cineporti/Umbria per favorire lo sviluppo creativo, la post-produzione audiovisiva, l’ideazione, la promozione, la formazione professionale in cui, unitamente alla messa a disposizione di servizi finalizzata alla attrazione di produzione cinematografiche e televisive, sarà possibile realizzare un acceleratore di imprese creative nell’ambito dei digital media (realtà aumentata, realtà virtuale, virtual camera system, montaggi ed effetti visivi digitali, animazione, ecc.).

L’obiettivo è quello di incubare ed accelerare progetti d’impresa, start up e pmi innovative attraverso l’accesso ad aree dell’infrastruttura per facilitare la realizzazione di network e communities sui temi delle produzioni e dei servizi per i media tradizionali e i new new media, la messa a disposizione di servizi di incubazione di nuove imprese, la capacità di fornire servizi di product development support, user and marketing validation ed entrepeneurship.

Impulso per le imprese del digitale

Accanto a ciò, saranno attivate modalità di supporto ad attività di venturing nei confronti di investitori istituzionali e business angels. I servizi di incubazione ed accelerazione e supporto alla nascita ed accelerazione d’impresa potranno essere oggetto di collocazione in un network regionale che comprende i principali poli urbani della Regione a partire del Comune di Perugia ricomprendendo gli enti locali già ricompresi nell’ambito del programma Agenda Urbana.

In tale schema, fortemente competitivo a livello europeo, senza eguali in Italia, si integreranno la produzione fisica, sempre più orientata verso l’indoor, con la fase puramente ideativa, creativa, di finalizzazione e montaggio, post-produzione digitale con evidenti ricadutesul territorio in termini di occupazione diretta e indiretta, promozione del territorio e delle sue location, crescita della consapevolezza professionale da parte degli operatori umbri e altissime potenzialità formative e di occupabilità e business per lavoratori e PMI.

Cosa avverrà negli studios

Negli Studios avverranno le riprese, le costruzioni, le lavorazioni fisiche. Nei Cineporti/Umbria andranno svolte le attività di preparazione e post-produzione (casting, prove costumi, trucco e parrucco, lavorazioni pre riprese, montaggio scene, effettistica digitale, ecc.), la formazione nei vari settori cinematografici e audiovisivi, la produzione di opere audiovisive, la promozione della cultura e del territorio.

La formazione di nuovi professionisti, lo sviluppo di società di produzione cinematografica e audiovisiva basate in Umbria, la promozione delle opere, degli eventi e del territorio stesso: ecco come il Cineporto può collegarsi ai progetti per lo sviluppo dell’Umbria e agli Studios di Papigno in un network della creatività capace di posizionare la Regione di mezzo in una nuova centralità produttiva e creativa.

Fabbisogno finanziario: euro: 20.000.000,00

Tempi di attivazione (cantierabilità): entro il 2023

Tempi di attuazione (durata): entro il 2026

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Recovery Terni, gli studios cinematografici di Papigno tornano alla ribalta nel progetto dei "cineporti" dell'Umbria

TerniToday è in caricamento