rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Attualità

Cascata delle Marmore, boom di visitatori: “Numeri da Ferragosto. Lavoriamo per incrementare le ore del rilascio dell’acqua”

L’assessore al turismo Michela Bordoni mostra comprensibile soddisfazione: “L’attrazione naturalistica più importante dell’Umbria assume anche una valenza culturale e didattica”

Un vero e proprio boom di ingressi. La cascata delle Marmore si conferma meta ambitissima ed amata, punto di riferimento del turismo dell’Italia centrale. Nel corso dell’ultimo ‘ponte’ infatti i dati mostrano un elemento in più di valutazione. Infatti sabato 27 aprile gli accessi sono stati pari a 8318 “Numeri da Ferragosto” commenta con soddisfazione l’assessore Michela Bordoni. Anche il 25 e 26 aprile i flussi sono stati eccellenti con oltre 10 mila visitatori, che hanno goduto della meraviglia delle Marmore.

Alla nostra redazione di www.ternitoday.it l’assessore al turismo fornisce ulteriori ragguagli: “Abbiamo incrementato il numero di tagliandi online emessi, il 30% del totale anche grazie al ticket riservato ai residenti che consente di diminuire sensibilmente il numero di code. I parcheggi su prenotazione hanno funzionato, senza dimenticare le visite al balcone degli innamorati. In questo caso si è verificato il sold out”.

Amministrazione che vai, polemiche che trovi parafrasando un vecchio detto. L’assessore Bordoni tiene a precisare: “Sono stata ieri – domenica 28 aprile – alla cascata e posso assicurare che in quelle ore di permanenza non ho constatato disagi. L’amministrazione sta potenziando una tipologia di promozione mirata quanto capillare. Le polemiche strumentali – osserva – non aiutano soprattutto gli operatori della cascata, impegnati nella valorizzazione”. Senza dimenticare che fanno male – più in generale - al sito del territorio ed alla sua spendibilità. Ulteriore passaggio sulle navette: “Gli accordi stipulati da chi ci ha preceduto non possono essere contravvenuti. Pertanto possiamo solo lavorare per migliorare il bando in essere”.

La cascata assume molteplici sfaccettature: “Il lavoro che stiamo facendo punta a rendere il parco visitabile da insegnanti e scolaresche, anche provenienti da fuori Regione. Tutto ciò naturalmente aiuta ulteriormente a diffondere il ‘brand’. Il sito naturalistico di riferimento per l’Umbria assume così una valenza culturale e didattica. Dal 1 marzo ad oggi – i dati forniti – il numero di biglietti emessi è stato pari a 5 mila con un aumento di mille unità rispetto al 2023”.

Il concetto di ‘destagionalizzazione’ da proiettare tutto l’anno: “Grazie alle promozioni ed agli eventi organizzati per le festività di Natale e San Valentino i riscontri, in termini di presenze, sono stati evidenti proprio per ‘destagionalizzare’ la cascata. Il grande obiettivo – afferma Michela Bordoni – è quello di incrementare il numero di ore del rilascio dell’acqua. Come è noto lo stesso avviene a singhiozzo. Un vero peccato se pensiamo agli accessi continuativi dei visitatori. Dobbiamo lavorare in modo sinergico per garantire una continuità, durante l’arco di una singola giornata. Ed in tal senso – assicura – il dialogo con la Regione Umbria è aperto”.

Il grande obiettivo è confermarsi anche per il prossimo ponte: “Oltre ottomila accessi in una sola giornata, in un periodo di incertezza meteorologica ci consente di guardare con fiducia ai prossimi appuntamenti. Da parte della nostra amministrazione si lavora per rendere i disagi meno percettibili. Abbiamo ascoltato diverse associazioni anzi, aggiungo che le porte dell’assessorato della sottoscritta sono sempre aperte”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cascata delle Marmore, boom di visitatori: “Numeri da Ferragosto. Lavoriamo per incrementare le ore del rilascio dell’acqua”

TerniToday è in caricamento