Ricariche telefoniche: “Trattenute sui tagli di ricarica più bassi senza dare scelta al cliente”

La senatrice umbra Emma Pavanelli ha interpellato il ministero dello Sviluppo Economico chiedendo: “Se questa può considerarsi una pratica corretta e a garanzia del consumatore”

foto di repertorio

“Ieri ho depositato un’interrogazione per fare chiarezza sulle nuove modalità di ricariche telefoniche che, senza dare scelta al cliente, trattiene un euro dai tagli di ricarica più bassi”. Lo ha annunciato la senatrice umbra del M5s Emma Pavanelli in riferimento alla novità che, a fronte di una ricarica da 5 o da 10 euro viene dato un credito di 4 o 9 euro. “Al ministero dello Sviluppo economico - conclude la senatrice - chiedo se questa può considerarsi una pratica corretta e a garanzia del consumatore”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La nota del Codacons

A tal proposito il Codacons – associazione per la difesa dei diritti dei consumatori – si è espressa nei giorni scorsi con una nota: “Dopo le bollette a 28 giorni, le compagnie telefoniche sembrano essersi ingegnate per trovare nuovi espedienti finalizzati ad ottenere guadagni ingiusti e aggiuntivi sulle spalle dei propri clienti. Al centro della denuncia dell’associazione le ricariche telefoniche offerte dai tre gestori, che di recente hanno modificato i tagli da 5 o 10 euro finora utilizzati dagli utenti per ricaricare il proprio credito, sostituendoli o affiancandoli con delle ricariche cosiddette premium”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento