rotate-mobile
Attualità

Umbria, rete ospedaliera: “Ottanta posti convenzionati nel ternano e 3295 posti letto distribuiti equamente nel pubblico”

L’annuncio della Regione Umbria: “Parere favorevole anche alla nascita del Terzo polo, integrando funzionalmente il presidio ospedaliero di Foligno ed il presidio ospedaliero di Spoleto

Un atto di riorganizzazione della rete ospedaliera regionale adottato, dalla Giunta regionale, a seguito del parere positivo espresso dal Ministero della Salute. Il documento riprende la proposta trasmessa dalla direzione sanità e riguarda, tra l’altro, alcuni temi cruciali come la riorganizzazione degli ospedali e relativi fabbisogni di posti letto, la nascita del terzo polo, gli ospedali di comunità e delle zone disagiate.

Nel documento deliberato dalla Giunta si determina l’offerta complessiva di posti letti pubblici che raggiunge quota 3.295 (2.834 per acuti e di 461 per post-acuti), individuando in ottanta i posti letto da destinare a strutture private accreditate e convenzionate nella provincia che ne risulta attualmente sprovvista, ovvero quella di Terni (distribuiti nelle discipline di Chirurgia Generale, Medicina Generale, Oculistica, Ginecologia, Ortopedia, Otorinolaringoiatria e Riabilitazione e rieducazione funzionale) con 562 posti letto ora previsti per l’ospedale pubblico di Terni. Il tutto al fine del necessario riequilibrio territoriale. Al momento - occorre specificare - il nosocomio ternano conta circa 560 posti letto. 

Il Ministero della salute ha dato parere favorevole anche alla nascita del terzo polo, integrando funzionalmente il presidio ospedaliero di Foligno (stabilimenti di Foligno e Trevi) ed il presidio ospedaliero di Spoleto (stabilimenti di Spoleto, Norcia e Cascia), mettendo a sistema le strutture presenti e realizzando un DEA di I livello su due strutture fisiche integrate fra loro, Foligno e Spoleto, di cui la prima maggiormente dedicata all’urgenza-emergenza e la seconda all’attività programmata. Il terzo polo potrà passare alla fase attuativa con relativi investimenti e cronoprogramma dei lavori.

La Giunta regionale ha già appostato, nel bilancio previsionale recentemente approvato in Assemblea legislativa, ulteriori 3,9 milioni per il progetto da 116 milioni di finanziamento del nuovo ospedale di Terni, così come proseguono le procedure già avviate per la realizzazione dell’Ospedale territoriale di Narni-Amelia e per tutti i progetti Pnrr legati alle nuove Case della salute ed Ospedali di comunità su tutto il territorio umbro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umbria, rete ospedaliera: “Ottanta posti convenzionati nel ternano e 3295 posti letto distribuiti equamente nel pubblico”

TerniToday è in caricamento