Ripartenza a Terni: “Ripercussioni per bambini e ragazzi post quarantena. Occorre vigilare sull’intervisione dei ritmi”

La psicologa Ingrid Hugnet: “I più piccoli necessitano di informazioni chiare e vere-filtrate in base all’età, in modo che possano essere comprese”

foto di repertorio

Sono molteplici gli effetti che la pandemia sta generando. La crisi economica è sicuramente la conseguenza più rilevante anche perché visibile. Tra i fattori incidenti che devono essere esaminati anche quelli di natura prettamente psicologia. A tal proposito ne abbiamo parlato con una professionista del settore ossia Ingrid Hugnet psicologa e psicoterapeuta che si occupa, tra le altre cose, di problematiche di ansia e depressione. Inoltre è specializzata nell'elaborazione del trauma attraverso il metodo EMDR.

“La quarantena imposta ai bambini e ragazzi potrà avere diverse ripercussioni. Nei bambini più piccoli – afferma - potremmo notare cambi di umore: più capricci, maggiore richiesta di attenzione e di rassicurazione. Una tendenza ad essere più attaccato al genitore o osservare il ritorno di alcuni comportamenti che erano stati superati come l'enuresi notturna (la pipi al letto) o la paura del buio”.

Andando per gradi ed età focus sugli adolescenti: “Essere stati costretti a rinunciare alla socialità, in una fase in cui il rapporto con i pari è fondamentale, rappresenta una grande frustrazione. Non ci dobbiamo quindi sorprendere se saranno più frequenti i conflitti in casa e la tendenza ad isolarsi in camera e a cercare di compensare la socialità persa attraverso l'uso del cellulare. Occorre vigilare sull’inversione dei ritmi sonno veglia: la tendenza a vivere di notte per giocare a videogiochi e ricavarsi quella privacy a cui devono rinunciare durante il giorno”.

Approccio migliore alla quotidianità

Come intervenire in tal senso: “I bambini necessitano di informazioni chiare e vere-filtrate in base all’età, in modo che possano essere comprese. Non vanno sovraesposti a immagine e notizie che non hanno ancora la capacità di capire. Prendiamoci del tempo per spiegargli la situazione e rassicurarli che ci sono tante persone le quali si stanno occupando del coronavirus. Fare in modo che possano continuare a fare le cose da bambini: giocare, parlare di cose divertenti fare i compiti e imparare cose nuove. 

Bisogna – dichiara la professionista - mantenere il più possibile una routine, dove i più piccoli riescano a prevedere come si svolge la loro settimana. Durante la fase 2 laddove è possibile, cercare di organizzare incontri con i nonni e i cugini, in modo da far loro rivivere la socialità e recuperare gli affetti della famiglia”.

Un ruolo preponderante naturalmente lo assumono i più grandi: “I genitori e in genere gli adulti che li circondano devono cercare di essere rassicuranti e coerenti. Trasmettere la propria tranquillità ed evitare di creare confusione. Ad esempio un genitore che ripete andrà tutto bene e poi esprime attraverso i propri comportamenti o i discorsi con altri adulti la continua preoccupazione porta il bambino a non fidarsi dell'adulto. Quindi il consiglio ai genitori è di cercare di mantenere la calma e qualora non ci riescano, di farsi supportare da altri familiari o attraverso la comunità, rete di amicizie ed eventualmente specialisti è fondamentale”.

Infine nei confronti degli adolescenti: “E’ importante rispettare la loro privacy concedendo loro i propri spazi e in particolare in questa fase 2, concederli un po’ più di autonomia tanto più che la scuola e i contatti con gli amici sono ancora impossibili, facendoli capire che ci fidiamo di loro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Il racconto di una mamma: la maestra di mio figlio è positiva al Covid, ecco tutto quello che non funziona nel sistema

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento