Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

Nella notte fra sabato 17 e domenica 18, sono andate in scena scazzottate fra largo Ottaviani e via Dalmazia. Proseguono gli assembramenti per le strade e il Dpcm sembra penalizzare solamente i gestori dei locali.

Non basta un Dpcm per stabilire l'ordine, e questo lo sapevamo. Ma l'opinione che sta serpeggiando fra i gestori dei locali di Terni, e delle maggiori città italiane che vivono anche di movida, è che questo ultimo decreto, in questa fase dell'emergenza sanitaria, stia pregiudicando solo le attività di somministrazione bevande e cibi. 

Fiumane di assembramenti e botte da orbi

Ieri da Terni c'è stata l'ultima "istantanea" della situazione. Come da decreto, i locali hanno chiusoa mezzanotte, ma fuori dal perimetro dei locali pubblici c'è di tutto. Ieri, in particolare, attorno all'una di notte è andata in scena una "poderosa" scazzottata fra largo Ottaviani e via Dalamzia, alla quale si sono andati aggregando capannelli di altri ragazzi, che poi, all'arrivo delle forze dell'ordine, sono "evaporati" nel nulla.

Un "coprifuoco" di legge che sta portando a due esiti problematici

Gli episodi fotografati ieri in città non danno che una misura relativa, sulla quale tuttavia c'è da riflettere, circa i primi esiti del cosiddetto "coprifuoco" che impone la chiusura dei locali pubblici a mezzanotte.

Da una parte ci sono gestori dei locali che vedono dimezzare gli incassi, con il rischio, sempre dietro l'angolo, di chiudere bottega e indebolire progressivamente la già flebile economia ternana.

Dall'altra, la chiusura dei locali sta generando una aggregazione indiscriminata di persone verso il centro città, che è diventato il "quartier generale" di una movida incontrollata e incontrollabile, anche da parte delle forze dell'ordine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un caos generalizzato, fra risse e assembramenti, che potrebbe essere ancor più acuito da un'ulteriore stretta sulla chiusura dei locali pubblici da parte del governo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento