Sagre a Terni e provincia, si riparte: “Durata massima di quattro giorni e applicazione dei protocolli”

L’annuncio di Fipe Umbria Confcommercio: “La migliore soluzione possibile, il rischio era di una riapertura senza limiti”

foto di repertorio tratta da facebook

Si riparte. Secondo quanto riporta Fipe Umbria Confcommercio: “La Regione Umbria sta per emanare una ordinanza sulle sagre che dal 15 luglio darà nuovamente il via libera a queste manifestazioni". Alcune limitazioni previste: "Durata massima di quattro giorni e applicazione rigida dei protocolli in vigore per i diversi aspetti, in primis quello della ristorazione".

La decisione è maturata anche in virtù del pressing di Fipe Umbria – Federazione dei Pubblici Esercizi aderente a Confcommercio - il cui presidente Romano Cardinali nei giorni scorsi ha incontrato l’assessore regionale alle attività economiche Michele Fioroni, ribadendo lo stato d’animo delle imprese del settore e la loro situazione di enorme difficoltà che rendeva inaccettabile una riproposizione delle sagre nella consueta modalità e durata.

“Abbiamo sollecitato con forza il confronto con la Regione sul tema sagre – afferma Cardinali - facendoci interpreti con l’assessore Fioroni della enorme preoccupazione, e spesso rabbia, degli imprenditori della ristorazione, messi già in ginocchio dal lockdown e da una ripartenza molto complicata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fermo restando che per noi l’ottimo, e quindi la nostra prima richiesta, era uno stop completo alle sagre puramente “mangerecce”, la soluzione individuata è alla fine la migliore di quelle possibili. La Regione Umbria sta per porre un limite temporale importante che, unito all’obbligo del rispetto dei protocolli e al fatto che la data della sagra va comunicata con largo anticipo, scoraggerà molte iniziative non motivate da vere ragioni culturali, di tradizione o religiose.

Altre regioni sono state molto più di manica larga – osserva - e se l'Umbria non fosse intervenuta con un provvedimento restrittivo c’era comunque il rischio di dover applicare direttive nazionali a maglie molto più ampie. Consideriamo inoltre molto importante e apprezziamo la disponibilità dell’assessore Fioroni a rivedere la normativa sulle sagre negli aspetti più problematici, da Fipe Confcommercio Umbria ripetutamente posto all’attenzione delle istituzioni. Una fase di revisione assolutamente necessaria, e che ovviamente vedrà coinvolti tutti gli attori in campo, e quindi in primis l’associazione delle Pro Loco”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus prima casa, fino a quarantamila euro a fondo perduto: c'è il bando, domande fino al 15 ottobre

  • Lugnano, un'edicola acquistata da un mese già rischia di chiudere: "Mi avevano detto che era tutto a posto"

  • Rissa in pieno centro a Terni tra lo stupore dei passanti, giovane trasportato all’ospedale

  • Chiude storica attività commerciale di Terni: “Un punto di ritrovo per i tifosi e i frequentatori del mercatino”

  • Flavio e Gianluca, la “lezione” non è servita. E il metadone di Terni continua a fare “vittime”

  • Pomeriggio da incubo in zona stazione di Terni: fugge dai controlli e ne nasce un parapiglia sotto gli occhi dei presenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento