Sabato, 25 Settembre 2021
Attualità Marmore

Sala Montesi di Marmore luogo di cultura ed aggregazione: “Sta cadendo a pezzi. Rischi per la pubblica incolumità”

Il segretario del Circolo Pd di Marmore Sandro Piccinini scrive al sindaco Leonardo Latini: “Urge un intervento di recupero manutentivo”

“La sala Montesi Marmore, luogo di cultura ed aggregazione, sta cadendo a pezzi”. Il segretario del circolo Pd di Marmore Sandro Piccinini scrive al primo cittadino Leonardo Latini. La finalità è quella di agevolare un intervento di restyling che possa evitare di creare anche problematiche di pubblica incolumità. All’interno della missiva il segretario ricorda come: “All’inizio di questa consiliatura la sua giunta emanò un bando per la gestione dell’immobile, precedentemente assegnato – mediante convenzione – al Centro Sociale Marmore che vi garantiva una presenza ritenuta importante nella comunità. All’interno del bando – osserva Piccinini – si è ritenuto di prevedere la corresponsione di un affitto pari a 400 euro mensili, condizione proibitiva per diverse categorie che potevano essere interessate".

Le criticità

Secondo Piccinini: “Al bando nessuno ha partecipato e la sala ‘Montesi’ è abbandonata a sé stessa”. Nello specifico: “Sul lato sinistro ci sono infiltrazioni dal terrazzamento che fa da tetto. Dalla parte opposta, invece, si stanno staccando delle parti di intonaco le quali potrebbero finire sul manto stradale, causando danni per la pubblica incolumità. La facciata è in condizioni di degrado per non parlare del fatto – aggiunge Piccinini – che nessuno apre la finestra ormai da tempo”. E’ dunque auspicabile, come viene rimarcato nel contenuto della lettera, un intervento di recupero: “Oramai non più rinviabile”. Si tratta dell’unica sala pubblica della frazione, realizzata nel 1925 con il contributo degli abitanti ed enti. Un pezzo di storia di Marmore che aspetta la propria riqualificazione.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sala Montesi di Marmore luogo di cultura ed aggregazione: “Sta cadendo a pezzi. Rischi per la pubblica incolumità”

TerniToday è in caricamento