rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Attualità

San Valentino, il patrono dei ternani abbandonato (quasi) tutto l’anno

Un piccolo viaggio all’esterno della Basilica dedicata al Santo tra mille piccole e grandi problematiche tutt’ora irrisolte

Una delle poche mete turistiche che appartiene alla città di Terni è la Basilica di San Valentino. Il flusso maggiore può essere riscontrabile a metà del mese di febbraio quando si celebra il patrono, festa di tutti i ternani e degli innamorati. Ci sono però altre 51 settimane da prendere in considerazione ed un numero di turisti i quali, tra una visita alla Cascata e un salto negli altri splendidi borghi circostanti, si ritrovano a visitare il luogo sacro. La situazione, al momento, non è delle migliori. Una ipotetica coppia di fidanzati recatisi in questo istante nella zona antistate alla chiesa, troverà diverse problematiche tutt’ora irrisolte. Il parcheggio è colmo di vegetazione che prosegue incessante a crescere occupando anche la sede stradale. Come è noto, ormai da diverso tempo, è impossibile utilizzare la passerella ed ecco che occorre attraversare la strada. Orbene: la segnaletica risente del tempo trascorso, in alcuni tratti quasi cancellata del tutto. I bagni sono chiusi e non ci sono servizi sanitari temporanei – bagnotti – sui quali potersi appoggiare. Neppure il giardino che costeggia l’università se la passa meglio: alcune panchine sono logorate in mezzo ad erbacce e qualche rifiuto lasciato in terra. Non il massimo per chi vuol trascorrere qualche momento in uno dei luoghi simbolo della città

San Valentino Basilica

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Valentino, il patrono dei ternani abbandonato (quasi) tutto l’anno

TerniToday è in caricamento