rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Attualità

Sant'Erasmo, la richiesta al Comune: "Subito interventi per rilanciare la zona"

Atto di indirizzo sottoscritto dai consiglieri Fiorini (Gruppo misto), Filipponi (Pd) e Anna Maria Leonelli (Cambiamo)

"Servono interventi per rilanciare Sant'Erasmo". E' la richiesta che arriva alla giunta Latini sottoscritta dai consiglieri comunali Emanuele Fiorini, Anna Maria Leonelli e Francesco Filipponi, che stanno predisponendo un atto di indirizzo da presentare al consiglio comunale nella seduta di lunedì. 
“Il borgo di Cesi - si legge nell'atto - si trova in posizione dominante e panoramica sulla valle di Terni, a 440 metri d’altitudine, spiegano i consiglieri, su terrazzamenti ricavati, fin dalla protostoria, alle pendici del monte Eolo e del monte Torre Maggiore. L’intera montagna, che sale fino a 1120 metri di quota, fa parte del territorio del borgo: una prima area, immediatamente sopra il borgo, è racchiusa nel sistema di mura e torri medievali, fino a 790 metri di quota, una seconda area è caratterizzata da due importanti e suggestivi siti archeologici d’altura con resti di templi italici e di una cittadella del VI secolo a.C. cinta da mura megalitiche, su uno sperone roccioso. Cesi ha una storia lunga tremila anni: è stata avamposto e luogo sacro delle popolazioni umbre e sabine, poi piccola capitale delle Terre Arnolfe longobarde. Le sue leccete hanno ispirato il Cantico di San Francesco, la cui prima stesura avvenne proprio qui, è il luogo d’origine della famiglia Cesi, che con il duca Federico dette vita nel ‘600 all’Accademia dei Lincei nella vicina Acquasparta".
Il borgo di Cesi è collegato con la località di Sant’Erasmo e Torre Maggiore attraverso una strada comunale che attraversa zone boscose, fino ad arrivare ai siti archeologi, all’osservatorio astronomico e all’ex tiro a volo. "Tra gli interventi pevisti dal Comune - proseguono i consiglieri - ne sono previsti 45 per un valore lordo di 20 milioni di euro. Fra questi vi è anche quello concernente la Strada di Sant’Erasmo che prevede il rifacimento del manto stradale provvedendo alla completa rimozione di quella esistente e alla realizzazione di idonea sottofondazione stradale nonché pavimentazione adatta al transito in zona pre-montana e montana. Inoltre sono previsti sistemi di protezione stradale e delle pendici rocciose. L’intervento si individua come necessario per le infrastrutture che consentono la fruizione dei beni immobili presenti in Località Sant’Erasmo, per i siti di interesse storico–archeologico, nonché per i percorsi di trekking, delle pareti di roccia e parapendio. Fra le tipologie di intervento vi è anche l’acquisizione e l’installazione di arredi, attrezzature e dotazioni tecnologiche, creazione di sistemi informativi per la gestione e la fruizione, essendo noto che nella zona di Sant’Erasmo vi sono caminetti, tavolini e panche in cattivo stato manutentivo, alcuni dei quali inutilizzabili da quanti effettuano passeggiate, escursioni ed altre attività all’area aperta nella zona. Per questo, concludono i consiglieri, la loro sostituzione costituisce occasione per rivalorizzare ulteriormente la zona di Sant’Erasmo e la sua attrattività”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sant'Erasmo, la richiesta al Comune: "Subito interventi per rilanciare la zona"

TerniToday è in caricamento