Trasporti, l’accusa: linee tagliate e cittadini discriminati. È sciopero, ecco quando si fermano i bus a Terni

Domani Usb incrocia le braccia “per dire no alla gestione privatistica di Busitalia” e “tornare a parlare di un reale servizio pubblico, gestito direttamente dalla Regione”

“Un governo regionale deve avere una visione generale del territorio e deve permettere lo sviluppo e la crescita di tutti i comuni della regione, per questo il trasporto pubblico, che pubblico ormai non è più ma regolato secondo la logica del profitto privato, è un servizio primario ed essenziale come anche enunciato dal referendum del 2011. Assistiamo invece all’emarginazione forzosa di un’ampia fetta del territorio umbro, sempre più relegato ad essere periferia economica e sociale”.

La Rsu Usb in Busitalia e la federazione Usb lavoro privato Umbria incroceranno le braccia domani, 18 giugno, aderendo allo sciopero nazionale del settore proclamato dalla Usb, “per dire no alla gestione privatistica di Busitalia, per tornare a parlare di un reale servizio pubblico, gestito direttamente dalla Regione, che sappia essere davvero fondamentale per lo sviluppo del nostro territorio e sicuro per i cittadini e i lavoratori”.

“La rimodulazione dei servizi, avvenuta lo scorso 8 giugno, ad opera della Regione Umbria, di concerto con Busitalia – sostiene Usb - non garantisce il pieno collegamento dell’intero territorio regionale e non va nella direzione di un investimento serio nella strategicità del trasporto pubblico locale. La nuova pianificazione, che colpisce il settore meno redditizio per Busitalia e cioè il trasporto extraurbano, ha scontentato infatti molti sindaci che vedranno tagliati, nel proprio territorio, i servizi di collegamento, come del resto da noi più volte denunciato. I cittadini dell’Umbria pagano tutti le stesse tasse, ma alcuni hanno i servizi ed altri pagano solo le tasse”.

“C’è anche una questione legata all’emergenza sanitaria in atto: l’8 giugno sono stati rimessi in circolazione autobus fermi da circa due mesi, i quali non sono stati dotati di sistemi di sicurezza sufficienti a garantire l’isolamento degli operatori di esercizio. Infatti il posto guida su questi mezzi è privo di pannelli isolatori e in questo modo, in autobus sigillati e senza finestrini, siamo certi che la distanza di un metro non sia assolutamente sufficiente ad evitare possibili contagi da Covid19”.

“In tale scenario – rileva il sindacato - forte è la preoccupazione di tutti gli operatori di esercizio in previsione della nuova organizzazione che subirà il settore in vista delle prossime scadenze di riapertura generalizzata delle attività e in particolare dei servizi scolastici”.

“Tutto questo si somma al fatto che Busitalia continua a ricorrere al fondo bilaterale di solidarietà, sottoscrivendo accordi con Cgil Cisl Uil che sottraggono risorse utili per la garanzia dei livelli occupazionali e aggrediscono i salari degli addetti al settore ridotti già di circa il 50%. Ancora una volta assistiamo alla logica predatoria da parte del privato, che pensa di poter fare profitto anche in una condizione pericolosa come questa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nasce il primo ristorante fantasma in città. L’idea di un giovane ternano: “Voglio contribuire al rilancio del nostro territorio”

  • Ferite al volto e alla testa e una spalla fratturata: anziano aggredito in centro a Terni mentre va a votare

  • Incidente sul raccordo, mezzo pesante si ribalta e viene tamponato: autotrasportatore in rianimazione

  • Turismo, Terni fa il pieno e incassa l’oscar di Volagratis: è la prima tra le dieci mete emergenti del 2020

  • Mercatino di Natale a Terni. Cambia la location dopo le polemiche dello scorso anno: “Via libera a 60 mila euro per gli eventi"

  • Referendum, un plebiscito per il “sì”: i risultati definitivi comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento