rotate-mobile
Attualità Narni

Narni, alla scoperta di antichi sentieri tra Stifone e Montoro: “Una cultura della natura e dell’ambiente”

Il trekking di sette chilometri tra borghi suggestivi e paesaggi da scoprire

Alla scoperta di antichi sentieri immersi nella natura. Domenica 26 maggio in concomitanza con la campagna nazionale #FaiBiodiversità, sarà possibile partecipare ad un suggestivo trekking tra i borghi di Montoro e Stifone. Ad organizzare l’evento l'Associazione VitaNova di Stifone e il gruppo speleo UTEC di Narni in collaborazione con la Delegazione FAI Terni e il gruppo FAI Giovani Terni, con il patrocinio del Comune di Narni.

Il trekking guidato da Elena Venturi partirà da Montoro alle ore 8.30. Sarà presente un banco d'accoglienza FAI presso il bar della frazione narnese. Dal pittoresco borgo con i suoi suggestivi vicoli e piazze ai piedi dell'antico castello della famiglia Patrizi, ci si avventurerà in un percorso di 7 km fino a Stifone. Durante il cammino si farà tappa alle antiche rovine di Montoro vecchio, abbandonato nel 1527 a causa del sacco dei Lanzichenecchi e si osserveranno i resti delle ferriere pontificie del Settecento, immerse in un paesaggio unico. Il cammino sarà accompagnato da letture filosofiche curate dall'Associazione VitaNova di Stifone.

Inoltre presso "la libreria che non c'è" sul tema biodiversità saranno esposte le tavole botaniche di Veronica Hadjiphani Lorenzetti, pittrice impegnata da anni nelle rappresentazioni della flora spontanea e delle colture agrarie. Il percorso non presenta particolari difficoltà. Tuttavia è necessario indossare abbigliamento comodo e scarpe da trekking. Al ritorno sarà possibile fruire di un servizio navetta. La partecipazione è su prenotazione attraverso i seguenti canali: telefono 0744-747277 oppure whatsapp 333-4844863.

L'iniziativa intende porre l’attenzione sui temi urgenti che la crisi ambientale pone, contribuendo ad arricchire la conoscenza attraverso l’osservazione del territorio, luogo di vita: “Approfondire dunque la propria conoscenza – spiegano gli organizzatori - attraverso il racconto e la guida di esperti, per diffondere una “cultura della natura e dell’ambiente” e riportare i grandi temi globali – cambiamenti climatici, perdita di biodiversità, consumo di suolo, crisi idrica - alla scala locale e della vita quotidiana. Conoscere per capire, come primo passo verso la consapevolezza”. In occasione dell'iniziativa sarà possibile iscriversi al FAI. Per i giovani tra i 18 ei 35 anni ci sarà l'opportunità di iscriversi al FAI o rinnovare l'iscrizione con una quota speciale di benvenuto di 15 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Narni, alla scoperta di antichi sentieri tra Stifone e Montoro: “Una cultura della natura e dell’ambiente”

TerniToday è in caricamento