menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Senzatetto e tossicodipendenti nell’area abbandonata. Dalle segnalazioni all’intervento: “E’ ora di riqualificare”

Il Movimento Cinque Stelle presenta un’interrogazione a carattere di urgenza. Focus su l’ex bocciofila Prampolini e la vecchia falegnameria adiacente

Attivarsi al più presto. Lo richiedono i consiglieri del Movimento Cinque Stelle attraverso un’interrogazione, a carattere di urgenza, rivolta al sindaco ed assessori competenti in materia. L’area di riferimento è ormai nota, interessa ed abbraccia virtualmente l’ex bocciofila Prampolini e la vecchia falegnameria adiacente, nel cuore del quartiere di San Valentino. In questi anni le segnalazioni, soprattutto da parte dei residenti, sono state piuttosto reiterate poiché – quelle aree – rappresentano luoghi di degrado e abbandono, vere e proprie discariche a cielo aperto. Non solo, essendo abbastanza riparate da occhi indiscreti, consentono il consumo di sostanze stupefacenti, a pochi metri dalla Basilica.

All’interno del documento i pentastellati denunciano la situazione all’interno: “L’area è abbandonata da tempo ed entrare non risulta difficile tanto che è ormai diventata la seconda casa per vagabondi e senzatetto. Il vecchio capannone – osservano – il quale fino a qualche anno fa ospitava la bocciofila Prampolini prima del trasloco vicino al campo del Sabotino in una nuova struttura, offre lo stesso ‘spettacolo’ che si offre alla vista dei tre campi da bocce, posto per bivacchi e consumo di droga. La struttura si trova a pochi metri di distanza dalla vecchia falegnameria, altro luogo abbandonato da tempo e quotidianamente frequentato da consumatori di droga e sbandati”.

I consiglieri evocano accadimenti passati allorquando: “Il recupero urbanistico delle due aree divenne al centro di un dibattito serrato. Nel 2018 fu al centro di un’accesa diatriba, tanto da veder stoppare una delibera della giunta passata che proponeva una variante urbanistica per dire addio al Campus universitario e fare spazio a un centro commerciale. “Un’oscenità” come denunciò al tempo il consigliere comunale Enrico Melasecche della lista I Love Terni. “Palazzo Spada non abbandoni il progetto di realizzare un campus universitario a Prampolini, la Regione si era presa un impegno scritto con Terni” riprendendo le parole dello stesso attuale consigliere regionale. Pertanto, i pentastellati, chiedono un intervento interrogando sindaco e giunta su come si intende riqualificare la zona.

LA GALLERIA FOTOGRAFICA 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento