Sicurezza a Terni, obiettivi e strategie: “Istituire un servizio di pattugliamento di agenti a piedi per centro e periferie”

L’emendamento presentato da Paola Pincardini e Valdimiro Orsini (Uniti per Terni) volto a rinforzare gli obiettivi operativi previsti all’interno del Documento unico di programmazione

foto di repertorio

Il Documento unico di programmazione scatta una fotografia virtuale sulle linee programmatiche dell’amministrazione comunale da perseguire nel triennio 2020-2022. Nei giorni scorsi è stato approvato dal Consiglio Comunale ed integrato con ulteriori dieci emendamenti, che vanno ad implementare la visione strategica della città.

Obiettivi per la sicurezza e l’ordine pubblico

Focus particolare sulla missione tre ossia quella relativa al garantire la sicurezza dei cittadini e l’ordine pubblico. Sono otto gli obiettivi operativi, uno in più rispetto a quelli originariamente previsti, a seguito dell’emendamento presentato da Paola Pincardini e Valdimiro Orsini di Uniti per Terni. Nello specifico infatti si pone l’attenzione sull’istituzione di un servizio di pattugliamenti di agenti a piedi per il controllo delle vie cittadine sia centrali che periferiche.

Tra gli alti obiettivi previsti, si legge nel documento: “La riorganizzazione delle sezioni territoriali della polizia locale per una maggiore incisività del ruolo dinamico di prossimità. Il potenziamento dei controlli notturni nelle zone della socializzazione e nei quartieri a maggior rischio concertandone la gestione con tutte le forze dell’ordine. L’attuazione di specifici servizi di polizia stradale volti al controllo del rispetto della segnaletica stradale con particolare riferimento agli stalli riservati ai portatori di handicap, agli scivoli ed agli attraversamenti pedonali nonché al rispetto della normativa che disciplina la circolazione nella ZTL e AP.

L’attuazione – in questo caso finalizzato al contrasto della ‘mala’ movida - di specifici servizi presso esercizi di somministrazione e vendita di bevande alcoliche, anche a mezzo di distributori automatici, con particolare attenzione alla prevenzione e repressione del fenomeno dell’abuso da parte di minori, quale grave problematica sociale che si ripercuote anche sulla sicurezza generale.

L’incremento dei controlli sulla guida in stato di ebbrezza e sotto l’influenza di sostanze stupefacenti, nonché sull’utilizzo, durante la guida, del radio telefono, al fine del contenimento del fenomeno infortunistico. L’attivazione di un progetto per l’acquisizione e l’inserimento di strumentazione idonea al rilievo automatizzato delle violazioni in materia di circolazione stradale con particolare riferimento alle sanzioni da elevarsi per le soste e al controllo della regolarità di revisioni e assicurazioni. Infine il controllo delle attività ricettive con particolare riguardo al rispetto della normativa inerente l’imposta di soggiorno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Umbria zona gialla: nuove misure in arrivo per allentare le restrizioni

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

  • Coronavirus, la regione Umbria rivede la zona ‘gialla’. A Terni crolla il dato degli attuali positivi: oltre centoventi guarigioni

  • Sposta le transenne e finisce con l’auto nel cemento fresco, il sindaco: chieda scusa a tutti i cittadini

Torna su
TerniToday è in caricamento