menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Valentina Porfidi (foto da youtube)

Valentina Porfidi (foto da youtube)

Soldatini rosa e bambole azzurre, Porfidi: Alessandrini fuori tema e fuori tempo

La segretaria della Cgil di Terni: bambini spesso incastrati dai giochi in ruoli precostituiti frutto di stereotipi patriarcali

Ancora polemica sul progetto “Soldatini rosa e bambole azzurre”. A intervenire è ora Valentina Porfidi, segretaria confederale della Cgil di Terni con delega alle politiche di genere.
Ecco il suo intervento che riportiamo in forma integrale

Il titolo del progetto, chiaramente simbolico, affronta una questione importante come la parità di genere, valorizzando le attitudini dei bambini e delle bambine, fatto che ritengo utile e necessario a partire dalla scuola. Attraverso i giochi, i bambini spesso sono infatti incastrati e indirizzati verso ruoli precostituiti che sono spesso il frutto di stereotipi patriarcali fuori dal tempo, basti pensare ai giocattoli che riproducono scopa e paletta, rigorosamente rosa, per le bambine, e ai soldatini per i bambini. Utili evidentemente a preparare le piccole donne a un futuro di pulizie domestiche e i piccoli uomini alla guerra, secondo una visione della società desueta, gerarchica e francamente allucinante, che può portare ad affermazioni anche assurde come quelle esternate da un ricercatore del Cern – poi giustamente sospeso – che ha affermato che la fisica non è donna, ma anche ad altre idee bislacche che associano determinate competenze ai generi sessuali in base a ruoli precostituiti, largamente smentite dalla storia, come testimoniano i tanti premi Nobel donna, i grandi ballerini uomini, i tanti grandi chef maschi o gli scudetti del calcio a 5 femminile, per quanto riguarda Terni. Io penso che anche le parole siano molto importanti. Per questo, rispetto alle grandi problematiche del territorio (crisi economica, carenza occupazionale, tema ambientale), terrei a sottolineare che, al contrario di quanto affermato da alcuni assessori, non abbiamo bisogno di un buon padre di famiglia o di una buona mamma, ma solo di buona politica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento