rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Attualità

Sosta selvaggia, focus sulla scuola Mazzini: “Molti veicoli tendono a parcheggiare vicino al plesso”. Le soluzioni individuate

Il dibattito nel corso della prima commissione consiliare, a seguito di un atto presentato dal presidente Marco Cozza. Le soluzioni in arrivo

“Soluzione del problema sosta selvaggia in via San Nicandro”. Nel corso della seduta della prima commissione consiliare, il presidente Marco Cozza ha illustrato un atto di indirizzo, concernente alcune criticità legate alla viabilità, oggetto anche di segnalazioni da parte di privati cittadini. “Le soste non autorizzate – ha sottolineato l’esponente della Lega – comportano dei pericoli a livello di sicurezza oltre che il rischio di impedire il passaggio ai mezzi di soccorso”.

Il tema è stato affrontato con particolare cura e premura, dall’assessore preposto Giovanna Scarcia e dalla comandante della polizia locale Gioconda Sassi: “La segnalazione risale al gennaio 2019” ha esordito l’assessore. “Non avevo la delega alla polizia locale e la comandante è entrata in servizio, a fine 2019. Al di là di questo aspetto è emerso tale problema in coincidenza con l’entrata e l’uscita dei ragazzi che frequentano la scuola Mazzini. Fino a qualche anno fa – ha ricordato Giovanna Scarcia – veniva svolto un servizio dagli agenti della municipale, prima dell’attivazione dei varchi elettronici, in prossimità degli attraversamenti. Successivamente è stato traslato all’altezza della rotatoria Angelini”.

Cosa accade nello specifico: “Molti veicoli tendono a parcheggiare più vicino possibile al plesso. Pertanto tale fenomeno emerge, soprattutto in determinate ore della giornata, anche perché i posti auto disponibili non sono molti. La rotonda rappresenta il luogo più vicino per la sosta. La presenza costante di una pattuglia va a disincentivare questa consuetudine. Tuttavia rende un disagio, ai bimbi, soprattutto in condizioni climatiche avverse. Quello che è possibile fare, per ciò che concerne la delega di mia competenza, è condividere con la dirigente scolastica, per il nuovo anno, uno scaglionamento delle entrate ed uscite. Tra l’altro – ha sottolineato l’assessore – per il discorso legato al Covid è già stato attuato. Tutto ciò permetterebbe una circolazione più fluida ed un disincentivo alle fermate temporanee”.

A fornire ulteriori soluzioni la comandante Gioconda Sassi: “E’ normale che un genitore voglia avvicinarsi il più possibile. Potremmo individuare nuovi spazi, magari fruendo del parcheggio di Largo Manni. In alternativa, come già rimarcato dall’assessore Scarcia, trovare un accordo per lo scaglionamento”. I commissari hanno poi focalizzato l’attenzione anche sulla questione del trasporto scolastico: “Si poteva approfittare del bando per offrire un servizio in più” ha osservato Valentina Pococacio del Movimento cinque stelle. “Mettere a disposizione due navette tra la scuola ed il parcheggio di prossimità” la proposta di Paolo Angeletti di Terni immagina.

La riflessione di Michele Rossi di Terni Civica: “La comodità nel raggiungere la scuola è un aspetto da considerare. Tuttavia mi fa molto piacere che si sta ragionando, per trovare valide alternative”. L’atto è stato votato all’unanimità da parte dei commissari che ne hanno condiviso finalità e proposte.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sosta selvaggia, focus sulla scuola Mazzini: “Molti veicoli tendono a parcheggiare vicino al plesso”. Le soluzioni individuate

TerniToday è in caricamento